“Comitato No Concorso 23 Luglio”: chi non vuole spostare preselettiva, lo fa per mantenere posizione di vantaggio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

comunicato Comitato No Concorso 23 Luglio – Ci giunge notizia che da più parti che da parte di alcuni si sollecita il ministro a mantenere la data del 23 Luglio per la prova preselettiva. Tale richiesta, evidentemente interessata a mantenere una posizione di vantaggio, rispetto allo svolgimento della prova in oggetto, tutela un interesse iniquo di una parte dei candidati.

Infatti, le ragioni rappresentate a favore di uno slittamento evidenziano una situazione di disparità di trattamento a scapito di candidati ancora impegnati in attività professionali.

Inoltre, si ribadisce che lo slittamento della prova preselettiva a Settembre, oltre a ripristinare situazioni equità nell’accesso alle prove, non pregiudicherebbe in alcun modo l’iter concorsuale e che inciderebbe in alcun modo sulla tempistica dell’espletamento del concorso stesso.

Non essendoci, dunque, una ragione oggettiva alla base del rinvio, la posizione di coloro i quali, tra i candidati, non accolgono le istanze di rinvio, deve essere necessariamente letta come volontà di mantenere una posizione di vantaggio.

Questo, a nostro parere, non deve essere permesso, soprattutto in occasioni di accesso a ruoli professionali pubblici.

Si confida all’intelligenza e nella competenza del nuovo ministro e nei buoni propositi del nuovo governo di evitare situazioni di disparità e di sofferenza dei cittadini.

Margherita Lancia
Comitato No Concorso 23 Luglio

Versione stampabile
anief
soloformazione