Comitato DS Idonei Post 2900: no a mobilità straordinaria. Si rispetti normativa

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato “Comitato DS Idonei Post 2900” –  Egregio Sig. Ministro, Le scrive il comitato “DS idonei post 2900”, nato a seguito dell’emanazione della graduatoria di merito del recente concorso nazionale per la selezione dei Dirigenti Scolastici.

La graduatoria è costituita da 3420 docenti idonei.

Il bando ha previsto che 2900 docenti fossero dichiarati vincitori, lasciando quindi 520 candidati nel “limbo” dell’idoneità. Tuttavia, come denunciato da diverse organizzazioni sindacali, in molte Regioni saranno numerose le istituzioni scolastiche a rimanere senza guida per mancanza di dirigenti. Stime molto accreditate ritengono insufficienti non solo i 2900 già dichiarati vincitori, ma tutti i 3420 che formano attualmente la graduatoria di merito.

Sottoponiamo pertanto alla sua attenzione l’opportunità di dichiarare, con apposito provvedimento, la graduatoria in oggetto “ad esaurimento” affinché nei prossimi anni la scuola italiana abbia la possibilità di nominare i suoi dirigenti ed eliminare finalmente, come da Lei dichiarato più volte, la _dannosa_ pratica delle reggenze.

Del resto Lei stesso ha più volte anticipato tale soluzione alle OOSS di categoria. A ciò si aggiunga la notizia di diverse rinunce, in questi primi giorni di assegnazione delle sedi, da parte degli USR. Il numero di Dirigenti necessari potrebbe essere ancora più consistente, se i colleghi inseriti in graduatoria con riserva, dovessero soccombere nei giudizi di merito dei Tribunali Amministrativi. C’è inoltre da richiamare come il legislatore nella legge di stabilità 2019, ha inteso escludere la scuola dalle norme sulla durata _triennale_ delle graduatorie dei concorsi nella pubblica amministrazione (art. 1 comma 366 legge n. 145 del 30 dicembre 2018).

Negli ultimi giorni, infine, a seguito dell’abbinamento dei primi 1984 candidati vincitori alle Regioni, in molti si stanno affannando a proporre questa o quella fantasiosa soluzione per ovviare agli spostamenti che, necessariamente, conseguono ad un concorso nazionale e non regionale.

Alcuni neo DS stanno addirittura chiedendo una eventuale mobilità straordinaria che falserebbe in modo definitivo la graduatoria stessa.
Tutti noi ben conoscevamo le regole, abbiamo letto e studiato il regolamento ed il bando, ora è il momento di rispettare i vincoli che, volenti o nolenti, abbiamo sottoscritto all’atto dell’iscrizione.

Qualsiasi modifica in itinere porterà con sé ricorsi su ricorsi, rischiando di appesantire ulteriormente la macchina concorsuale. Questa è già stata messa in discussione, come Lei perfettamente sa, dalla sentenza del TAR del Lazio, che ha portato all’intervento del CDS il quale, in data 17 Ottobre, entrerà nel merito della questione.

Noi DS idonei chiediamo che si rispettino le regole contenute nel bando del concorso, che le eventuali rinunce comportino il depennamento dalla graduatoria, così come previsto e come sottolineato dall’amministrazione, e che, in tal caso, si scorra la graduatoria che contiene ben 3420 DS idonei a svolgere il complesso compito del Dirigente Scolastico.

Confidiamo nella Sua attenzione, volta al garantire che i diritti di tutti i 3420 candidati siano rispettati sino in fondo.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione