Il Comitato ‘Difendiamo figli’ al Miur: “Siamo preoccupati e difendiamo la libertà educativa”

di redazione
ipsef

Per difendere la "libertà educativa"dei ragazzi il Comitato "Difendiamo i nostri figli" ha manifestato oggi a Roma davanti al Ministero dell'Istruzione.  

Per difendere la "libertà educativa"dei ragazzi il Comitato "Difendiamo i nostri figli" ha manifestato oggi a Roma davanti al Ministero dell'Istruzione.  
   
Nel corso dell'iniziativa, ha spiegato il presidente del Comitato, Gandolfini, è stato ribadito "quel che da tempo diciamo: siamo in attesa delle linee guida riguardanti la legge sulla Buona Scuola ma siamo anche preoccupati: in particolare nell'articolo 1 comma 16 si parla dei percorsi educativi per la lotta contro la discriminazione sessuale e l'identità di genere".  

I punti da cui non si arretra per il Comitato sono: il coinvolgimento dei genitori a cui deve essere lasciata libertà di scegliere che tipo di percorso extracurricolare faranno i figli, avendo diritto al dissenso; che venga specificato bene cosa è curriculare e cosa extracurriculare, "evitando furbate, ovvero mettendo insegnamenti sensibili tra le materie curriculari".

Infine il Comitato chiede che ci sia una dichiarazione pubblica da parte del Miur secondo cui il termine "genere" è sinonimo di sesso e che i generi sono due, maschio e femmina.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione