Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Come studiare, mettendo al bando telefonini e ipad: un seminario a Pinerolo (TO) con Roberto Posseda

WhatsApp
Telegram

Domani, martedì 14 marzo 2016 dalle ore 11 alle ore 17, Roberto Prosseda, uno dei pianisti più affermati nel panorama nazionale e internazionale, terrà presso l’Accademia di Musica di Pinerolo (TO), un seminario intitolato “Come studiare”.

Il seminario è rivolto principalmente a studenti e insegnanti di pianoforte, ma anche a non musicisti che intendano sviluppare una maggiore consapevolezza sui meccanismi di apprendimento. Si tratta, infatti, di un’applicazione dei principi tipici del “mental coaching”, e della PNL (programmazione neurolinguistica) adeguati alle esigenze espressive e tecniche dell’apprendimento musicale e dell’esecuzione al pianistica.

Verranno trattati aspetti fondamentali di uno studio efficace e organizzato. Con brevi esempi pratici, si tenterà in soli 10 minuti di risolvere, sia tecnicamente che musicalmente, un passaggio pianistico particolarmente ostico. Si parlerà di visualizzazione mentale, di organizzazione del pensiero musicale, per guidare la mente ad essere solidale con le proprie intenzioni, e a non ostacolare il musicista in alcun modo. Uno studio consapevole e “sano” è fondamentale anche per il rendimento in concerto e in condizioni di stress e tecnico.

“Per molti studenti di pianoforte – dichiara Roberto Prosseda – lo studio consiste nel ripetere pedissequamente un passaggio, magari lasciando lavorare le dita senza una continua attenzione dell’orecchio e della mente. Questo non è certo un modo efficace di studiare: si rischia di non notare eventuali errori e imprecisioni, e si finisce per abituarsi ad essi. Durante questo seminario, invece, tenterò di spiegare che ciò che conta nella fase dello studio al pianoforte è la qualità della nostra attenzione, fondamentale mantenere sempre alta la concentrazione e la messa a fuoco delle nostre idee musicali, per sviluppare e “automatizzare” una chiara organizzazione del pensiero e dello sguardo. La prima cosa da fare, ad esempio, è di spegnere cellulari e computer, che oggi sono le principali fonti di distrazione, e che rischiano di indebolire la nostra capacità di concentrazione e focalizzazione”.

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA