Come preparare gli studenti alla prova Invalsi di terza media

Stampa

OS.it consiglia Redooc – Come ogni anno si avvicina la data in cui gli alunni delle classi III della scuola secondaria di primo grado dovranno affrontare la prova Invalsi di matematica e italiano.

OS.it consiglia Redooc – Come ogni anno si avvicina la data in cui gli alunni delle classi III della scuola secondaria di primo grado dovranno affrontare la prova Invalsi di matematica e italiano.

I professori sanno bene quanto sia importante tranquillizzare gli alunni allenandoli nella pratica con simulazioni che permettano loro di verificare in tempo reale il proprio rendimento.
Avete già sentito parlare di Redooc? E’ una validissima piattaforma dedicata allo studio della matematica per gli studenti e alla didattica digitale innovativa per i professori. Le numerose simulazioni messe a disposizione degli insegnanti nascono dalla collaborazione tra Redooc e Zanichelli. Il risultato?  Un valevole strumento per il ripasso interattivo del programma dell’anno scolastico e per effettuare test di autovalutazione, cimentandosi con le molteplici simulazioni invalsi http://redooc.com/it/medie/matematica-invalsi/prove-nazionali-invalsi-terza-media Moltissimi ormai gli insegnanti che utilizzano questo sistema nelle loro classi, sia attraverso lezioni condivise con la LIM in classe che assegnando gli esercizi a casa ai loro studenti. Per avere diretto accesso al servizio Redooc scrivi a questa email [email protected]

Il dibattito si fa particolarmente caldo quando si parla della prova Invalsi per gli studenti di terza media. Dal 2009 per loro non è più esclusivamente un test anonimo per la rilevazione degli apprendimenti nazionali ma rappresenta una reale prestazione richiesta in accostamento alla valutazione finale dell’esame di Stato.

Ma è bene fare chiarezza per comprendere a pieno modalità e applicazioni di questa introduzione scolastica voluta dal Ministero dell’Istruzione. Gli Invalsi sono prove oggettive standardizzate per tutti gli Istituti e quindi non redatti dall’insegnante della specifica classe; sottoporre i propri alunni ad esercizi preliminari studiati e progettati con la stessa forma e struttura dell’esame che sosterranno può essere un’attività utile per tutti gli alunni, anche a scopo di ripasso generale.
 

Stampa