Come funziona InPA, il Portale unico del reclutamento: caratteristiche e modalità. Le info utili

WhatsApp
Telegram

Pubblicato il decreto del Ministro per la Pubblica Amministrazione del 3 novembre 2023 sulle caratteristiche e le modalità di funzionamento del Portale unico del reclutamento.

Il decreto, adottato in attuazione dell’articolo 35-ter, comma 2, del decreto legislative 30 marzo 2001, n. 165, previa acquisizione del parere del Garante per la protezione dei dati personali e dell’intesa in sede di Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislative 28 agosto 1997, n. 281, si applica alle amministrazioni pubbliche centrali di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislative 30 marzo 2001, n. 165 e alle autorità amministrative indipendenti, nonché alle regioni e agli enti locali.

Le amministrazioni utilizzano il Portale unico del reclutamento per la pubblicazione e la gestione dei bandi di concorso, degli avvisi di mobilita e degli avvisi di selezione di professionisti ed esperti di cui all’articolo 1, comma 5, lettera a), del decreto-legge 6 giugno 2021, n. 80, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2021, n. 113 e per le ulteriori finalità individuate dalla disciplina vigente.

Le funzioni disponibili sul Portale unico del reclutamento per le Amministrazioni coprono l’intera gestione del processo di reclutamento, in tutte le fasi esemplificate all’art. 2 comma 2 del provvedimento.

DPCM

Come funziona InPA

Con l’introduzione di InPA, il Portale Nazionale del reclutamento, il processo di selezione si digitalizza e semplifica, portando con sé numerosi vantaggi sia per gli utenti che per le amministrazioni.

La registrazione al portale è gratuita e accessibile a tutti i maggiorenni. La registrazione potrà avvenire tramite:

  • SPID
  • Cie (Carta d’Identità elettronica);
  • Carta nazionale dei servizi.

Una volta iscritto/a al portale, dovranno essere compilati i campi relativi ai dati anagrafici e alle informazioni personali utili per essere contattati (come numero di cellulare e email). Inserendo poi il proprio curriculum attraverso un form apposito si immetteranno i dati utili per ricercare lavoro pubblico.

Una volta registrati, gli utenti possono presentare le loro candidature accedendo alla sezione apposita del portale. Qui, possono selezionare bandi o avvisi di interesse e utilizzare il proprio curriculum vitae già compilato durante la registrazione. La piattaforma consente di aggiornare automaticamente le informazioni nel curriculum con quelle inserite durante la candidatura, rendendo il processo più rapido ed efficiente.

Le domande di partecipazione vengono salvate automaticamente e possono essere inviate entro i termini previsti dai bandi. Inoltre, il sistema invia promemoria via email agli utenti per ricordare le scadenze imminenti.

Le comunicazioni relative ai concorsi, compresi calendari e risultati delle prove, sono gestite interamente attraverso il portale. Ciò garantisce maggiore trasparenza e facilità di accesso alle informazioni. Le graduatorie finali, invece, sono pubblicate sui siti istituzionali delle amministrazioni, mentre InPA fornisce notifiche sulla loro disponibilità.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA