“Come filosofare con il martello” Giornata della filosofia a Tempo Pausania

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Venerdì 4 maggio 2018, alle ore 17, nell’aula magna del Liceo Dettori di Tempio, avrà luogo una manifestazione culturale interamente incentrata sul rapporto tra i giovani e la filosofia.

daQuesta prevede un convegno di studi, di cui saranno relatori tre studenti del liceo, la rappresentazione di forme di teatro filosofico e la cerimonia del Premio di Filosofia “Andrea Bianco”.

Il Premio ha un suo valore particolare perché è, innanzitutto, legato al ricordo di un ex liceale del Liceo Dettori scomparso prematuramente negli anni dell’Università. La seconda ragione è data dalla notorietà e prestigio accademico dei tre giudici che hanno designato il nome del vincitore che potrà essere conosciuto solo durante la manifestazione del 4 maggio. Si tratta di Dario Antiseri, uno dei maggiori filosofi della scienza contemporanei, rinomato esperto del pensiero di Karl Popper; Francesca Rigotti, docente di Filosofia politica a Lugano, autrice di saggi di filosofia tradotti in molte lingue; e Mario Trombino, fondatore della casa editrice Diogene Multimedia e direttore della rivista “Diogene Magazine”.

Studente estremamente serio e scrupoloso, Andrea Bianco è stato una delle migliori eccellenze del Liceo Dettori. Amava la filosofia e, in generale, lo studio e la cultura. È stato il primo studente del “Dettori” a vincere la selezione d’Istituto per l’ammissione alla finale regionale delle Olimpiadi di filosofia. Anche per questa ragione la scuola che ha frequentato per cinque anni ha deciso di intitolare alla sua memoria un concorso che si può considerare unico per le modalità e per il prestigio dei giurati. I quattro finalisti (Chiara Antonetti, Elisa Decandia, Alessia Moretti e Carlo Panu) sono i quattro studenti che hanno superato la fase d’Istituto dell’ultima edizione delle Olimpiadi della filosofia. I loro elaborati sono stati valutati dai tre giurati, come prevede il regolamento del Premio.

Il convegno, il cui titolo (“Come filosofare con il martello”) richiama una nota opera di Nietzsche, filosofo che tanto piaceva allo studente Andrea Bianco, coinvolgerà nel ruolo di relatori i liceali Alessandro Fontana, Carlo Panu e Virginia Padovani. I tre studenti parleranno del “meraviglioso” in Lewis Carroll, del rapporto tra le teorie di Zygmunt Bauman e la questione giovanile, e del rapporto tra filosofia e manga.

Segreteria organizzativa del Premio di Filosofia “Andrea Bianco”

 

 

 

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione