Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Come far sentire gli studenti i benvenuti il primo giorno di scuola: un’UdA per la Secondaria Superiore

Stampa

Il primo giorno di scuola è stato (in alcune regioni) e sarà un giorno duro per gli studenti italiani. Non solo hanno la tristezza della fine dell’estate, ma l’ansia suona eccezionalmente alta: ci sono nuove lezioni e orari a cui adattarsi. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per assicurarsi che il primo giorno di scuola sia un passaggio facile per gli studenti.

Gli studenti amano sentire pronunciare i loro nomi

Gli studenti amano sentire pronunciare i loro nomi. Se non hai ancora memorizzato il nome di ogni studente, tieni dei cartellini sulla scrivania. Lascia che la tua classe scriva i propri nomi su questi con un pennarello. Chiamare gli studenti per nome crea familiarità e gli studenti, quando chiamati, sono ascoltatori attivi.

Gli studenti hanno bisogno di regole, ma non dimentichiamoci di enfatizzare il positivo

Gli studenti hanno bisogno di regole. Questo è forse l’elemento su cui ci soffermiamo maggiormente (talvolta solamente). Ma le liste non devono essere del tutto negative. Spiega qual è la condotta ideale in classe e le cose che sono consentite. Va bene avere alcuni “non fare” in quella lista, ma enfatizza il positivo.

Condividere le competenze

Gli studenti amano ascoltare dagli insegnanti le loro storie divertenti e affascinanti. Fai in modo di coinvolgerli attirando la loro attenzione, ad esempio, sul motivo per il quale, hai deciso di diventare un docente. Non presentarti con nome e cognome, presenta, piuttosto, la tua storia di vita, le tue esperienze. Spiega agli studenti perché sei un docente e qual è stato il percorso per arrivare dove sei: la scuola, l’università e il sistema concorso. Sarà più personale per gli studenti e renderà più facile collegarsi con loro.

Usa la memoria per dimostrare quanto sei bravo a ricordare i loro nomi

Se hai una memoria forte, utilizzala per rivelare quanto celermente puoi conoscere i nomi degli studenti. Costruisce, ad esempio, dei video introduttivi o condivi (se ne conosci, nel caso contrario imparane uno) trucchi magici. Lascia che gli studenti sentano la tua esaltazione e anche loro diventeranno entusiasti, ti seguiranno, vorranno giocare con te. Condividi il tuo amore per essere un insegnante e gli studenti rimarranno affascinati. Prometti di dare il meglio di te e, a loro volta, gli studenti si impegneranno a dare il meglio di sé. Provare il rispetto di sé e il valore dell’apprendimento. Sarà restituito completamente e subito.

Studenti in aula seduti e godendosi la lezione

Pensa a quando eri a scuola (quanti anni sono passati, vero?); hai mai avuto un momento in cui hai iniziato a sederti da qualche parte solo per sentirti dire che il posto era stato salvato per un amico? Per un adulto non è un grosso problema, ma per gli studenti può essere un momento imbarazzante. Talvolta, difficilmente sopportabile. Altre volte crea crisi insuperabili.

Dare agli studenti la “giusta” libertà e mostra la tua sicurezza nel concederla

Quando gli studenti hanno la libertà, può portare a produzioni e idee singolari. Con troppa libertà, può essere disordinato. Prima del primo giorno, crea una mappa dei posti a sedere. Utilizza i ricordi dello scorso anno o, se sei al primo, non farti trovare, comunque, impreparato. Sapere quali studenti imparano meglio in fondo all’aula e chi vuole sedersi vicino alla cattedra è, in pochi giorni, fondamentale. Gli amici amano stare seduti con gli amici, ma per molti può essere fonte di deconcentrazione. Tieni a mente gli studenti riservati con voci basse e gli studenti che usano gli occhiali. Come insegnante, sii pronto, senza tentennamenti e senza troppe domande, a spostare gli studenti in giro per la classe, ma attieniti al tuo istinto quando una coppia di studenti potrebbe essere più raccolta su se stessa che sulla tua lezione

Divertiti anche tu con i tuoi alunni e impara ad essere flessibile

Comprendi che l’ansia è proprio alta e le paure a volte sono più alte. Alcuni studenti tornano a scuola dopo l’estate e altri iniziano completamente nuove scuole. Il primo giorno di scuola può essere eccitante ma spaventoso per gli studenti. Per molti, vogliono che l’estate continui perché è stata rilassante e non stressante. Soddisfare le loro esigenze per rendere la transizione il più agevole possibile.

Un’attività che può accogliere gli studenti a scuola è scrivere e disegnare. Dai agli studenti la possibilità di essere creativi, esprimersi e divertirsi. Raffigura facce buffe, scribacchia della loro estate e di cosa vogliono fare quest’anno scolastico con i compagni, con gli amici, il teatro, il giornale, lo sport e la musica. Chiedi loro di colorare un’immagine del loro ricordo preferito dell’estate e chiedi agli studenti di presentarli alla classe.

Compiti a casa

L’insegnante che assegna i compiti il primo giorno di scuola non è certamente da considerare il migliore amico dei propri alunni. Convincere gli studenti a lavorare sui progetti il prima possibile li metterà a loro agio e li farà entrare nel vivo delle cose molto più velocemente; iniziare con qualcosa di facile. Per gli studenti più giovani, potrebbe essere un puzzle o colorare le etichette dei nomi; per gli studenti più grandi, potrebbe essere qualcosa come, ad esempio, un bel saggio breve, ad esempio, sul loro supereroe.

La macchina del tempo

Le macchine del tempo sono un modo divertente per gli studenti di vedere come sono cambiati all’inizio dell’anno.

Conserva i loro saggi fino alla fine dell’anno scolastico e poi chiedi loro di ripetere l’esercizio lasciato all’inizio. Per renderlo più personale, crea tu stesso una macchina del tempo che condividerai con la classe. Immagina quanto possa essere divertente giocare con i maestri o i professori.

Decorare

Le pareti semplici non danno agli studenti molta ispirazione. Pensa a cosa puoi fare alla tua classe per renderla più vivace e adatta ai bambini. Una volta che gli studenti arrivano, potresti persino coinvolgerli portando qualcosa che vorrebbero vedere ogni giorno.

Segno di benvenuto

Se la tua scuola ha installato display digitali, prepara un messaggio caloroso e accogliente da leggere mentre vagano nell’atrio, nel giardino e nel cortile.

L’UdA per la secondaria superiore: accoglienza

Impostare una ottima UdA è di vitale importanza per costruire un percorso adeguato dedicato all’accoglienza, dall’Infanzia alla Secondaria superiore. Quella che proponiamo “Itinerario turistico del territorio” è stata realizzata dai docenti dell’Istituto di Istruzione Superiore dei Servizi Enogastronomici e dell’Ospitalità Alberghiera e dei Servizi Commerciali e Istituto Tecnico del Turismo “Mauro Perrone” di Castellaneta (Ta) diretta dal dirigente scolastico prof.ssa Vita Maria Surico, una vera icona della managerialità e della competenza didattico-pedagogica.

ACCOGLIENZA secondaria superiore

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”