Come consumare il pasto domestico nelle scuole della Lombardia. Indicazioni provvisorie e straordinarie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In attesa della pronuncia definitiva della Corte di Cassazione e delle linee guida, l’USR Lombardia fornisce indicazioni provvisorie e straordinarie sul consumo del pasto domestico nelle istituzioni scolastiche, ferma restando l’autonomia di ciascuna scuola.

L’indicazione è quella di consentire agli alunni, i cui genitori abbiano prodotto specifica richiesta, la possibilità di consumare il pasto domestico nei locali adibiti a refezione scolastica, eventualmente anche in aree dedicate dello stesso refettorio, con fruizione negli stessi tempi di svolgimento del servizio di refezione scolastica.

A tutti gli alunni sarà garantita la sorveglianza e l’assistenza educativa da parte del personale docente.

Sarà cura del personale ATA garantire la pulizia delle aree dedicate al consumo del pasto domestico.

Opportuno, da parte delle scuole, acquisire una dichiarazione di assunzione di responsabilità sulla qualità nutrizionale e l’igiene del pasto domestico da parte dei genitori.

pastodomestico

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione