Colloquio a pagamento: 3 euro per parlare con il prof

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Colloquio con i genitori a pagamento.

Non è l’idea bizzarra di qualcuno, ma la realtà riscontrata in una scuola in Sardegna dove, pagando 3 euro, i genitori possono accedere al confronto diretto con l’insegnante per sapere come va il proprio figliolo.

E’ quanto risulta al quotidiano La Stampa che attribuisce la paternità di questa iniziativa alla scuola, con tanto di protesta da parte dei genitori.

Un modo per fare cassa

Dopo una fase sperimentale avviata sul finire dello scorso anno, consistente nella prenotazione online del colloquio per evitare code, la scuola avrebbe pensato bene – secondo quanto scritto sul quotidiano – di fare un passo avanti su questa iniziativa, rendendola a pagamento.

Immediata la protesta dei genitori. “Assurdo che ci chiedano di pagare anche per i colloqui” avrebbe detto una mamma al giornale, secondo la quale sarebbe preferibile escogitare sistemi diversi per eliminare le code fuori dall’aula. I genitori non escludono che alla base di questa iniziativa ci sia motivo economico: fare cassa per finanziare le attività scolastiche alla luce dei tagli continui dei finanziamenti pubblici.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione