Colloqui con i genitori, perché non svolgerli online?

Stampa

E’ questa la proposta avanza da Alex Corlazzoli, giornalista, maestro e scrittore.

La proposta, come possiamo leggere su donnamoderna.it, nasce dal fatto che i genitori degli alunni, spesso, lavorano entrambe, per cui presenziare ai colloqui e ritornare poi al lavoro diventa problematico.

Secondo Corlazzoli, sarebbe molto più comodo svolgere i colloqui online (Skype, Facebook…) e riporta al riguardo la comunicazione, tramite posta elettronica, con la mamma di una sua allieva che ha così potuto avere notizie sul rendimento della figlia, mentre lavorava in ufficio.

D’altra parte, oggi, in diversi altri settori, si svolgono online importanti riunioni, seguite, se necessario, da incontri in presenza.

Riguardo ai colloqui con i genitori, si pone però un problema, ossia la competenza informatica di cui molti docenti sono tuttora privi, sebbene si stiano facendo notevoli passi in avanti, come testimonia ad esempio l’uso del registro elettronico.

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese