Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Collaboratore scolastico su posto “covid”: non è il jolly della situazione, ci sono anche mamme con bambini piccoli

WhatsApp
Telegram

Orario di lavoro dei collaboratori scolastici assunti su posto Covid: la stipula della supplenza temporanea, fino al 30 dicembre 2021, non può essere motivo per un utilizzo di tale personale al di fuori dei criteri generali decisi ad inizio anno scolastico, quando d’altronde era già noto il numero di unità che sarebbero state assegnate alle scuole.

Buongiorno, vorrei avere delle informazioni dettagliate su orari, diritti e possibilità di orario flessibile per collaboratori scolastici contratto covid. In data 27 ottobre 2021 sono stata assunta con contratto covid c.s. al 30 dicembre 2021 e mi e’ stato”affibbiato”  un orario di lavoro su turnazione.

In sostanza, faccio alternativamente con una collega tre o 2 pomeriggi a settimana (con orario 12 30/18:30) e nei restanti giorni della settimana, compreso il sabato orario dalle 7 30 alle 13 30.

Quando faccio l ‘orario antimeridiano, da lunedi al venerdì sono in un reparto di una scuola secondaria di primo grado, quando faccio l’orario pomeridiano devo stare al piano terra della scuola per coprire il musicale; il sabato,  invece, sono in un altro piano ancora della scuola (sempre secondaria di primo grado) per sorvegliare e pulire le classi di colleghi a cui, a differenza mia, è stato concesso di lavorare fino al venerdi e  che recuperano il sabato con un turno pomeridiano a settimana.

È corretto tutto questo? Praticamente sono la pedina della scuola e, mentre sono state tenute in considerazione le esigenze di tanti miei colleghi, quelle mie, mamma di due bimbi di 2 e 5.anni, sono state Completamente ignorate. Vi sembra corretto l’operato di questo Istituto?

di Giovanni Calandrino – Il supplente su posto “covid” non può essere considerato il jolly della situazione, ma deve essere inquadrato sullo stesso piano degli altri colleghi.

Anche per l’anno scolastico 2021/22 il governo ha stanziato delle risorse per implementare l’organico a fronte del perdurare dell’emergenza sanitaria: infatti, il Decreto “sostegni-bis” (DL 73/2021, art.58 comma 4-ter lett. a), prevede che siano attivati “ulteriori incarichi” di supplenza temporanea sia di docenti che di personale ATA.

LA FINALITÀ DI UTILIZZO DELLE RISORSE STANZIATE

Per il personale ATA in modo più ampio e generale si afferma che sono “finalità connesse all’emergenza epidemiologica”

Dunque non si può impiegare il suddetto personale SOLO per le pulizie o per coprire tutti i pomeriggi o peggio ancora, farlo girare su tutti i plessi a seconda delle esigenze, bisogna invece, “sfruttare” la potenzialità di questo organico nella sua interezza, così come previsto del mansionario (specificato alla Tabella A annessa al CCNL 2007).

– Le unità dell’organico “covid” sono destinate alle attività necessarie alla garanzia del diritto allo studio nonché alla sicurezza e all’igiene degli ambienti.  L’organico “covid” per il personale Ata è stato infatti pensato da impiegare proprio per la gestione degli orari scaglionati, degli ingressi e le uscite degli studenti a scuola, controllo del green pass.

Pertanto deve essere assegnato stabilmente durante il loro periodo di servizio previsto dal contratto e non può essere trattato come organico di serie B.

Sull’orario di lavoro del personale ATA consigliamo la lettura di queste schede

Tipologie di orario e turni di lavoro dei collaboratori scolastici. FOCUS

Personale ATA: orario di lavoro con esempi e normativa

Orario di lavoro collaboratori scolastici: non esiste “tu sei l’ultimo arrivato…”

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO