Coding e programmazione scuola primaria e secondaria I grado, “didattica innovativa con l’utilizzo di Scratch”: corso gratuito

di Cristina Galfo
ipsef

item-thumbnail

Il corso ‘Didattica innovativa con l’utilizzo di Scratch’ ha lo scopo di fornire le competenze per approcciarsi al coding e alla programmazione a blocchi ed è rivolto principalmente ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado.

Sono tanti gli strumenti a disposizione per fare coding, in questo corso proponiamo Scratch.

Scratch, adatto fin dalla scuola primaria, è un ottimo strumento per sviluppare il pensiero logico nei bambini e nei ragazzi. È un programma semplice ed intuitivo che consente di creare algoritmi utilizzando la programmazione a blocchi, quindi non occorre scrivere alcuna linea di codice.

Formatore

Cristina Galfo, docente di Informatica nella scuola secondaria di secondo grado. Programmatrice, web developer ed esperta SEO. Ideatrice e curatrice del blog Coding creativo

Struttura del corso

Il corso è strutturato su 11 brevi video lezioni.

Nella prima si introduce il concetto di coding e di pensiero computazionale. Nelle altre si spiegano i blocchi fondamentali di Scratch e come realizzare semplici algoritmi che si possono applicare in situazioni esperienziali legate alle varie discipline.

Infine nell’ultima si dà qualche suggerimento su dove trovare materiale utile per approfondire il coding con Scratch.

Inoltre per ciascuna lezione sono fornite delle slide da poter scaricare e consultare in qualsiasi momento.

La partecipazione al corso è gratuita, la certificazione Miur delle 25 ore valide ai fini dell’aggiornamento obbligatorio dei docenti ha un costo di 49 euro.

Con il coding si sviluppa il pensiero computazionale, cioè l’attitudine a trovare una soluzione a problemi più o meno complessi. Si impara infatti a scomporre un problema, a ipotizzare varie soluzioni e ad arrivare alla soluzione ottimale. Affrontare il coding partendo dalla scuola dell’infanzia e primaria, oggi dovrebbe essere d’obbligo in quanto nei più piccoli stimola il pensiero creativo, la curiosità.

Bambini e ragazzi imparano ad utilizzare gli strumenti tecnologici con più consapevolezza e a ragionare per obiettivi, collaborando con gli altri ed imparando dagli errori. In definitiva si stimola e rafforza la capacità di pensiero.

Questo non vuol dire che tutti devono diventare informatici, infatti i benefici del pensiero computazionale si estendono a tutte le professioni.

Con questo corso, della durata di poco più di due ore, si ha l’occasione di formarsi in modalità e-learning, completamente on line, e di avere spunti e idee per una didattica innovativa in classe. Ai docenti inoltre viene fornita una certificazione dell’Unità formativa di 25 ore.

Iscriviti e segui gratuitamente il corso

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione