Codice della strada, in arrivo la riforma: due punti di bonus ai ragazzi che hanno frequentato corsi sulla sicurezza a scuola

WhatsApp
Telegram

L’Alcol test è positivo: l’uomo che ieri pomeriggio vicino a Frosinone si è schiantato con la sua Audi contro una Nissan aveva bevuto prima di mettersi al volante.

La bambina di 5 anni rimasta ferita nell’incidente, figlia della donna alla guida della seconda auto, è stata operata ad un braccio al Bambin Gesù di Roma, dove ieri era stata portata in elicottero. La mamma e il fratellino si trovano invece all’ospedale di Alatri e sono fuori pericolo, così come il conducente dell’Audi, un ventinovenne, ora ricoverato a Frosinone. Il video della diretta Facebook che l’uomo stava facendo al momento del frontale ha chiarito la dinamica dell’incidente.

L’Audi procedeva ad alta velocità, quando su un curvone l’auto ha allargato la traiettoria, ha invaso la corsia opposta e si è schiantata contro la Nissan della donna che arrivava nell’altro senso di marcia. La vicenda, insieme a quella dei quattro giovani morti a bordo di un’auto ribaltata a Cagliari dove ora ci sono mazzi di fiori e bigliettini di ricordo, richiama la necessità del rispetto delle regole della strada per le quali si avvicina la stretta decisa dal governo.

La riforma del codice – ha annunciato il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini – sarà presentata nella sua forma definitiva al prossimo Consiglio dei Ministri, tra una settimana, il 18 settembre. E’ l’ultimo passaggio prima dell’entrata in vigore Il primo articolo del testo è proprio dedicato a chi guida sotto l’effetto di alcol e droghe, con un inasprimento contro i recidivi: obbligo di tasso zero per chi è già stato condannato per guida in stato d’ebrezza e installazione sull’auto dell’alcolock, il dispositivo che impedisce la messa in moto se il livello alcolemico supera lo zero.

Per chi invece verrà trovato positivo al test rapido antidroga scatterà la revoca della patente e il divieto di prenderla nuovamente per tre anni. Più severità anche sui giovani: per i neopatentati il divieto di guidare supercar salirà da uno a tre anni, mentre i minorenni trovati alla guida ubriachi o drogati non potranno prendere la patente fino ai 24 anni.

E’ anche partito il progetto pilota sulla proposta dei taxi gratis fuori dalle discoteche, avanzata da Salvini e già realizzata in via sperimentale. La stretta riguarda anche l’uso del cellulare e la marcia contromano, che causeranno il ritiro della patente da sette a venti giorni per chi ha meno di venti punti sulla patente. Più tutele, invece, per i ciclisti: le auto dovranno tenere la distanza di un metro e mezzo quando sorpassano una bicicletta.

Nel disegno c’è spazio anche per la regolamentazione dei monopattini, su cui Salvini è tornato a parlare oggi a margine di un evento a Milano: “A Parigi hanno vietato i monopattini dopo un referendum, la democrazia trionfa sempre” ha dichiarato, “Io non li vieto perché sono un liberale ma metto il limite di velocità, il divieto di uscire dai centri urbani, casco, targa e assicurazione”. Per chi circola senza assicurazione, infatti, sarà prevista una sanzione da 100 a 400 euro, mentre dovrà pagare tra i 200 e gli 800 euro chi non dispone degli appositi indicatori luminosi di svolta e frenata. Il disegno di legge introdurrà anche norme per la sicurezza dei passaggi a livello ferroviari, regole più severe per la sosta vietata, maggiori specifiche sulle aree Ztl e omologazioni anti-truffa per gli autovelox.

“Piazzare gli autovelox fuori da un ospedale dove ci sono tanti incidenti o in prossimità di una scuola ha un senso”, ha commentato oggi il ministro dei Trasporti, “Metterli a caso per fare cassa non ce l’ha”.

Tra le novità del ddl, infine, figurano anche l’introduzione della safety car per regolare e rallentare il traffico in caso di incidenti e un bonus di due punti ai ragazzi che hanno frequentato corsi sulla sicurezza a scuola.

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia