CoDE. Il coraggio di educare diventa webinar

Stampa

Quanto ha inciso sulle nostre vite affettive, relazionali e professionali il tempo che stiamo ancora vivendo? Quanto siamo cambiati? E i ragazzi, i bambini, cosa porteranno nel loro futuro di questa esperienza? Dipende da noi adulti. Oggi.

Il contesto educativo richiede coraggio, il coraggio di educare al cambiamento e alla resilienza per favorire un ascolto attento e attivo che possa tenere vivo e aperto il dialogo tra generazioni.

Il coraggio di educare diventa una serie di webinar

Per supportare educatori, insegnanti, genitori e assistenti sociali, Pepita ha progettato “CoDE: il coraggio di educare”, un percorso in quattro incontri online dedicato a chi raccoglie la sfida e sceglie di assumersi la responsabilità di un nuovo ruolo educativo.

A partire dal 4 marzo per 4 giovedì consecutivi, con frequenza settimanale dalle 20.30 alle 22, gli iscritti potranno seguire da remoto, con la possibilità di fare domande e ricevere risposte a dubbi e difficoltà incontrate nel quotidiano.

Ciascun webinar è pensato per fornire strumenti pratici, concreti e attuali agli adulti che, quotidianamente, seguono la crescita di bambini e adolescenti e che vogliono mettersi in gioco per costruire una relazione soddisfacente e piena.

Frequentando l’intera serie di appuntamenti i partecipanti arriveranno a:

  • comprendere e attivare dinamiche differenti per mettersi in relazione e favorire un ascolto empatico con bambini e ragazzi
  • individuare eventuali segnali di disagio del proprio figlio conseguenti alla navigazione on line o a episodi di bullismo
  • conoscere modalità educative per valorizzare la responsabilizzazione attiva dei ragazzi fuori e dentro la Rete.

Il metodo Pepita: interattivo ed esperienziale

Attraverso un metodo interattivo i relatori

  • trasmetteranno suggerimenti su come migliorare nel ragazzo l’autostima e la comunicazione interpersonale
  • guideranno ad alcune riflessioni sulle conseguenze dell’isolamento sulla vita in famiglia, della convivenza forzata con i genitori e delle nuove modalità di relazione con i pari.

Il programma prevede quattro sessioni così strutturate:

4 MARZO – ANSIA E NOIA: DISAGI (troppo) COMUNI – l’influenza dell’online e possibili soluzioni

Relatori: Marco Bernardi, Francesco Pagnigni

  • Mito o realtà: l’online aumenta rischio di stati emotivi alterati?
  • Gestire e accettare la noia come processo di crescita
  • Come riconoscere i segnali fisici e comportamentali di un attacco di ansia o di panico e come intervenire
  • L’ansia funzionale: da “nemica” ad “alleata”
  • Paura, vulnerabilità e non solo, come può l’isolamento trasformarsi in risorsa
  • Inquadramento di un’età critica: la fragilità dell’adolescente
  • Propensione al rischio, sensation seeking e tendenza alla trasgressione

11 MARZO – RISPETTO E IDENTITÀ ON&OFFLINE – come trasmettere il rispetto per sé e gli altri 

Relatori: Ivano Zoppi , Valentina Varvaro

  • Il bisogno di affermazione del minore
  • Il rispetto e solidarietà nelle relazioni quotidiane
  • Covid e Rapporti sociali: come responsabilizzare senza colpevolizzare il minore portatore
  • Parole usate nel quotidiano, come si può cadere nel bullismo cyberbullismo
  • Una riflessione sulla condivisione delle foto del proprio figlio on line
  • Come prevenire e gestire correttamente casi di Sexting

18 MARZO – AUTONOMIA E TUTELA ON&OFFLINE – come dare fiducia e mantenere il controllo per il suo bene

Relatori: Ivano Zoppi, Francesco Brizzi

  • La comunicazione con il minore come fattore di protezione e responsabilizzazione
  • Il patto educativo: come concordare tempi, spazi e luoghi di utilizzo dei dispositivi
  • L’importanza di empatia e comprensione per quanto vissuto nel quotidiano dal ragazzo
  • Con quali criteri attuare supervisione e condivisione a seconda dell’età del proprio figlio
  • Osservazione, analisi e monitoraggio dei fenomeni devianti/criminale della rete
  • Privacy, Tik Tok, Telegram e le challenge: istruzioni per l’uso

25 MARZO – LO SCHERMO E IL DIALOGO – come aiutare il ragazzo che non comunica

Relatori: Ivano Zoppi, Davide Vassena 

  • L’arte di saper ascoltare: alcuni suggerimenti per attivare un ascolto empatico
  • Come cogliere i segnali e le richieste di attenzione/aiuto
  • Gli orari e i luoghi degli schermi, in famiglia e nel quotidiano: l’importanza dell’esempio genitoriale
  • Rischi e ripercussioni dell’esposizione precoce dei media sullo sviluppo infantile
  • L’accesso a internet nel periodo Covid
  • L’isolamento del minore in quarantena: come gestire in casa l’isolamento imposto dalla normativa

DESTINATARI: EDUCATORI, GENITORI, ASSISTENTI SOCIALI, OPERATORI SANITARI
RELATORI Ivano Zoppi, Davide Vassena, Francesco Brizzi, Francesco Pagnini, Valentina Varvaro

4 INCONTRI FREQUENZA SETTIMANALE – ogni giovedì 20.30-22
DATE: 4, 11,18, 25 MARZO
COSTO: €15 ad incontro – €50 per tutti e 4 gli incontri

È possibile ricevere maggiori informazioni scrivendo a [email protected].

Per iscriversi è sufficiente registrarsi attraverso il link https://www.pepita.it/registrati-al-webinar/

Stampa