Cobas: sciopero scrutini legale, in arrivo vademecum prof

di redazione
ipsef

APCOM – Chieste adesioni precari e comitati:in arrivo picchetti e sit-in. Il leader del sindacato di base lamenta, inoltre, "l’aumento del numero degli alunni per classe, l’eliminazione delle sperimentazioni nei licei, la riduzione del numero delle ore di insegnamento nei tecnici e professionali, la scomparsa di intere classi di concorso": tutto ciò starebbe "compromettendo definitivamente la qualità dell’insegnamento e la possibilità che la scuola sia elemento centrale nel percorso formativo delle nuove generazioni".

APCOM – Chieste adesioni precari e comitati:in arrivo picchetti e sit-in. Il leader del sindacato di base lamenta, inoltre, "l’aumento del numero degli alunni per classe, l’eliminazione delle sperimentazioni nei licei, la riduzione del numero delle ore di insegnamento nei tecnici e professionali, la scomparsa di intere classi di concorso": tutto ciò starebbe "compromettendo definitivamente la qualità dell’insegnamento e la possibilità che la scuola sia elemento centrale nel percorso formativo delle nuove generazioni".

La proclamazione dello sciopero degli scrutini di fine anno scolastico, fatta dai Cobas Scuola, ha già ricevuto l’assenso dal mondo del precariato organizzato: "i precari – sottolinea il portavoce nazionale – dovranno essere in prima linea e per questo facciamo appello a tutti i comitati, coordinamenti, organizzazioni e singoli per condividere con noi un calendario di iniziative che fino a giugno dovranno informare e mobilitare tutto il mondo della scuola in vista dello sciopero".

L’invito a partecipare è esteso a coordinamenti, comitati, collettivi e realtà organizzate. La proclamazione dello sciopero verrà comunicata ai lavoratori già a partire dall’ultima settimana di aprile attraverso una serie di assemblee provinciali . Agli inizi di maggio conferenza stampa nazionale con convocazione della stampa e delle televisioni locali "affinché si dia spazio allo sciopero anche nelle cronache provinciali e regionali".

I Cobas hanno inoltre programmato una serie di presidi sotto gli Uffici scolastici provinciali e regionali, in occasione dell’uscita degli organici, cui seguiranno "picchetti, assemblee, volantinaggi, sit-in, banchetti per continuare il lavoro di informazione e coinvolgimento di tutto il mondo della scuola".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione