Cobas scioperano contro il regolamento del sistema di (s)valutazione

Di
Stampa

red – I Cobas dicono "no" all’approvazione del sistema di valutazione appena licenziato dal Governo, "si dà – scrivono nel loro comunicato – all’Invalsi il potere di stabilire i criteri che dovrebbero orientare l’azione dei nostri istituti". E propongono uno sciopero e una cassa di resistenza

red – I Cobas dicono "no" all’approvazione del sistema di valutazione appena licenziato dal Governo, "si dà – scrivono nel loro comunicato – all’Invalsi il potere di stabilire i criteri che dovrebbero orientare l’azione dei nostri istituti". E propongono uno sciopero e una cassa di resistenza

Attraverso i nuovo sistema di valutazione, lanciano l’allarme, "vogliono imporci cosa insegnare e come insegnare". Inoltre, continua il comunicato, "non si dice cosa accadrà alle scuole che non riusciranno a raggiungere gli standard previsti: negli USA e Gran Bretagna vengono chiuse e i docenti licenziati".

Per tali ragioni, la proposta del sindacato di base è uno sciopero a catena:

  • 7 maggio scuola materna ed elementare
  • 14 maggio scuola media
  • 16 maggio scuola superiore

E propongono di istituire "in ogni scuola una cassa di resistenza in modo da sostenere economicamente i colleghi il cui sciopero resterà utile a  fermare la somministrazione".

Regolamento valutazione. Anticipiamo i contenuti: prova Invalsi anche in quinta superiore e calcolo del valore aggiunto

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia