CNAFAM. Dopo i trasferimenti forzosi dei docenti, è il turno di quelli degli studenti? La vicenda del liceo Allmayer

di redazione
ipsef

item-thumbnail

CNAFAM – Il Coordinamento nazionale formazione artistica, musicale e coreutica (CNAFAM) rappresenta la sconcertante situazione del Liceo “Vito Fazio Allmayer”, vanto della città di Alcamo (Trapani), sede di Liceo Economico Sociale, Liceo Linguistico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Musicale e Coreutico, che con la richiesta ulteriore del Liceo Artistico intende costituire nella città un Polo didattico dei linguaggi, unico nel panorama regionale e nazionale.

Il Liceo “Vito Fazio Allmayer” è ubicato nella città di Alcamo dalla sua nascita, nel lontano 1963 (quindi da ben 54 anni).
Esso, grazie alla fortunata posizione della città, rappresenta il centro di un bacino culturale cui afferiscono più di 900 studenti, provenienti da ben 12 Comuni dell’hinterland.
Ebbene, per una decisione unilaterale senza precedenti del Commissario Straordinario della Provincia di Trapani, presa senza preavviso, senza consultare gli Enti interessati (Scuola, Comuni, Regione, OO.SS., MIUR) e senza ricercare alcuna soluzione alternativa, il Liceo “Vito Fazio Allmayer” dal 1° settembre 2018 dovrà essere trasferito dal Comune di Alcamo al Comune di Calatafimi.
Ciò perché la Scuola non dispone di una sede di proprietà, e la Provincia non vuole più provvedere al pagamento dell’affitto.
Ben 700 dei 900 studenti (di cui almeno 500 alcamesi) saranno dunque forzosamente trasferiti nelle periferie di un altro Comune, senza che vi sia alcun collegamento né ferroviario né su gomma.
Per provvedere al trasferimento dovrebbero essere istituiti almeno 14 autobus giornalieri. Gli studenti dei centri vicini dovrebbero prima recarsi ad Alcamo e poi prendere un secondo autobus, e le famiglie dovrebbero farsi interamente carico delle spese di trasferimento, che supererebbero di gran lunga quelle attualmente sostenute per l’affitto degli immobili.
Se una simile dissennata decisione andasse in porto, ciò comporterebbe la morte del Liceo “Fazio Allmayer”, potendosi ragionevolmente presumere che la stragrande maggioranza degli studenti opterebbe per il trasferimento in altra scuola.
Sarebbe la fine certa di uno dei poli di eccellenza della scuola siciliana e nazionale, che in Alcamo ha trovato il suo centro d’elezione e che in Alcamo deve rimanere.
Chiediamo a gran voce alle OO.SS., alle forze parlamentari e di Governo, regionali e nazionali, di farsi carico del gravissimo problema e di provvedere a una sua soluzione immediata che salvaguardi la Scuola, i suoi docenti e soprattutto i suoi studenti.
Il link alla petizione per difendere il Liceo “Vito Fazio Allmayer” di Alcamo.

 

Il Coordinamento CNAFAM, che con i suoi oltre 4000 aderenti rappresenta la principale organizzazione professionale nazionale dei settori artistico, musicale e coreutico italiano, rivendica con orgoglio di aver posto – ormai da anni – la questione della riforma della formazione artistica, musicale e coreutica italiana all’attenzione di Governo e Parlamento.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare