“Climate Action Project School of Excellence”: a Roma il cambiamento parte da un’installazione artistica

WhatsApp
Telegram

È di pochi giorni fa la notizia che anche cinque istituti italiani, sui 250 premiati in tutto il mondo, sono stati insigniti come Scuole di Eccellenza del Progetto “Azione per il Clima”. L’intenso lavoro sull’educazione al clima con approccio a scuola intera è stato guidato e riconosciuto da Climate Action Project, un progetto educativo globale gratuito lanciato da Take Action Global – organizzazione no profit per l’istruzione con sede negli Stati Uniti che coinvolge 2.700.000 insegnanti e studenti in 146 paesi – che mira ad aiutare gli studenti a conoscere la crisi climatica e a diffondere soluzioni online.

Un buon esempio di come un’attivià didattica possa trasformarsi in un’azione di valore per l’intera comunità ce lo dà l’Istituto Marymount di Roma col “Progetto Treedom: quartieri liberamente ecosostenibili”. All’inizio dell’anno scolastico gli studenti hanno creato un’installazione artistica appendendo a un albero nel giardino della scuola le loro parole e i loro pensieri sull’ambiente e sul clima, e adesso, solo a distanza di qualche settimana, la proficua collaborazione avviata con gli enti comunali al fine di sensibilizzare la comunità cittadina verso la tutela dell’ambiente li ha persuasi efficacemente sull’importanza e sull’effettivo impatto delle loro azioni.

Le 250 scuole di eccellenza del progetto Climate Action selezionate sono state annunciate il 4 novembre 2021 durante il Climate Action Day, un evento live online annuale a cui partecipano 250.000 persone in tutto il mondo. Tra i relatori dell’evento anche il principe William, il presidente James Alix Michel, le Seychelles, Rick Davis, la NASA, Matt Larsen-Daw, il WWF, la principessa Esmeralda, il Belgio, Juan Pablo Celis Garcia, il Programma per l’ambiente delle Nazioni Unite e altri leader mondiali, scienziati del clima e attivisti.

Il webinar è stato trasmesso in diretta alla COP26 di Glasgow. I vincitori sono stati annunciati da Dan Russell, doppiatore di serie di successo della Cartoon Network, e da Nandi Bushell, musicista, influencer e appassionato sostenitore del clima di soli undici anni.

Ci piace ricordare la dichiarazione del principe William: “Abbiamo bisogno della creatività dei giovani per risanare il nostro pianeta. Abbiamo bisogno che gli studenti inventino e innovino, che pensino più in là di dove siamo ora e che siano ottimisti riguardo al nostro futuro”.

Il creatore del Climate Action Project ha dichiarato: “Non esiste un vaccino per il cambiamento climatico”, cui ha fatto eco Amy Bivin, insegnante dell’Istituto Marymount: “La cura è l’AZIONE! Non importa quanto essa sia piccola, con un’azione alla volta, un giorno alla volta, con una mentalità positiva, possiamo fare la differenza! Il modo migliore per agire è l’ISTRUZIONE. Insegnando ai bambini il cambiamento climatico, aumentiamo la consapevolezza e diamo loro la possibilità di risolvere il problema e di fermare i danni causati dalle generazioni precedenti. Abbiamo un solo pianeta e ne abbiamo bisogno più di quanto lui abbia bisogno di noi.

La dott.ssa Jennifer Williams, Climate Action Project, ha concluso: “La nostra comunità di educatori si è unita a sostegno dell’educazione al clima per tutti. Ci impegniamo a garantire che gli studenti abbiano accesso a informazioni, idee e opportunità per agire per il pianeta e, oggi, queste Scuole di eccellenza stanno indicando la strada a tutto il mondo”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur