Classi pollaio, Consiglio Regionale della Liguria compatto contro il no: “Spazi inadeguati influiscono sulla didattica”

WhatsApp
Telegram

Approvato con voto unanimemente favorevole del consiglio regionale l’odg della Lista Sansa e Linea Condivisa, sottoscritto anche dagli altri gruppi, relativo al sovraffollamento delle classi nelle scuole liguri.

La consigliera Selena Candia (Lista Sansa) ha chiesto alla giunta regionale di “rendersi parte attiva in tutte le sedi possibili, affinché sia avviata una politica attenta ai bisogni dei giovani studenti e affinché sia garantita una educazione in spazi adatti all’apprendimento.

A ricercare sul territorio regionale nuovi spazi a servizio delle scuole, con un rapporto sinergico tra ANCI, il MIUR e l’USR”.

Nell’odg la consigliera Candia sottolinea che “è importante la conferma dell’organico, avendo in previsione anche un’adeguata assegnazione ‘dell’organico Covid’ attualmente in discussione a livello ministeriale”.

“Insegnanti e studenti sono giustamente preoccupati per la riduzione delle classi prospettata per il prossimo anno. Spazi inadeguati influiscono sulla didattica e sul percorso di apprendimento”, conclude Candia.

“Questo ordine del giorno si inserisce nell’impegno che abbiamo preso fin dall’insediamento di seguire in modo particolare il mondo della scuola sia dal punto di vista dell’offerta formativa, cercando di adeguarla ai bisogno del territorio e della regione, che da quello dell’edilizia scolastica in cui Liguria sconta arretratezza notevole”, spiega il consigliere Roberto Centi.

“Nei nostri uffici pretendiamo aria condizionata, internet e sedie ortopediche. Ma lasciano che i nostri figli vadano in scuole fredde di inverno e calde d’estate. Con banchi vecchi di decenni. E senza spazi adeguati. L’iniziativa di oggi è un passo in avanti per dare ai nostri figli spazi adeguati dove studiare, pensare e vivere”, conclude il capogruppo Ferruccio Sansa.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito