Classi pollaio, in arrivo 22 milioni per sdoppiarle. Ma ci sono delle condizioni. Per Bianchi sono il 2,9% e si trovano soprattutto negli istituti tecnici delle grandi città

Stampa

In arrivo fondi alle scuole per arginare il problema delle cosiddette classi pollaio. Si tratta di un intervento una tantum che ieri è stato comunicato ai sindacati presenti al tavolo tecnico per l’avvio dell’anno scolastico e l’applicazione del protocollo di sicurezza.

Secondo quanto riferito dai sindacati, saranno disponibili 22 milioni di euro alle scuole per le classi pollaio. Ma i fondi non saranno per tutti, soltanto ad alcune condizioni. Infatti, la scuola dovrà avere più di cinque classi con parametri di affollamento superiori a quanto previsto dalla normativa vigente.

Ieri, il Ministro è intervenuto a Morning News, su Canale 5 ed ha parlato anche delle famigerate classi pollaio che destano enorme preoccupazione per la gestione del Covid-19 a scuola.

Il ministro ha fornito le cifre del problema dell’affollamento delle aule, dando le sue esatte dimensioni.

“Si tratta del 2,9% delle classi” e si trovano soprattutto negli istituti tecnici delle grandi città. “Abbiamo la conoscenza millimetrica del problema e ci stiamo lavorando con interventi mirati”, ha detto il ministro ridimensionando l’allarme per le aule sovraffollate e spiegando che le norme consentono classi con un range di studenti minimo e massimo compreso tra 15 e 27.

Altro che classi pollaio. Bianchi: “Il problema è che noi non abbiamo più bambini”

Classi pollaio, Bianchi: “Le classi con più di 27 studenti sono il 3%, quelle con meno di 15 invece il 13%”

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione