Classi pollaio, Azzolina: “Derisa per la mia proposta di legge, ora le aboliremo con il Recovery fund”

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, durante il suo intervento alla manifestazione del M5S sulla piattaforma Rousseau, ha parlato anche delle classi pollaio.

“Ora sulle classi pollaio stiamo lavorando grazie al Decreto Rilancio, lo faremo ancora di più con i soldi del Recovery Fund che serviranno  anche all’istruzione e ringrazio Conte per il lavoro che ha fatto.  Obiettivo è fare tanti investimenti sull’edilizia scolastica e ridurre il numero di alunni per classe evitando la dispersione scolastica e la povertà culturale che abbiamo nel paese”.

Graduatorie per le supplenze, domande entro 6 agosto, AGGIORNATO. LE ISTRUZIONI con VIDEO TUTORIAL

Poi aggiunge: “Il mio sogno civico è una scuola aperta.  Ovvero, una scuola assolutamente accogliente. Una scuola aperta non è  solo recarsi in classe la mattina per seguire le lezione ma significa  presidio di socialità, di legalità all’interno di un territorio. Che  accoglie studentesse e studenti così come la stessa comunità del  territorio. Una scuola aperta significa fare una didattica innovativa  come vogliono i nostri studenti. Significa scuole nuove e colorate.  Fare attività nel pomeriggio concordate con famiglie, personale  scolastico, con Terzo settore con tutti coloro che credono che la scuola sia il luogo di democrazia per eccellenza del Paese”.

Azzolina fissa il crono-programma per assunzioni e concorsi scuola

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia