Classi pollaio, Anief: nemmeno il nuovo governo le cancella

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Sono passati solo 80 giorni dalla pubblicazione della versione definitiva del “Contratto per il governo del cambiamento”, sottoscritto dagli attuali partiti di maggioranza, M5S e Lega, anche per voltare pagina nel mondo dell’istruzione: di quegli intenti, però, si sono perse già le tracce, a cominciare dalla pessima gestione del precariato cronico che continua ad imperversare, con i maestri con diploma magistrale e tutti gli abilitati ora aggrappati ad un emendamento già approvato al Senato.

A destare sconcerto, nelle ultime ore, è anche la presenza di classi composte da un numero spropositato di studenti. Mentre il Ministro Marco Bussetti getta acqua sul fuoco, dichiarando alle commissioni Cultura di Camera e Senato che la media è di 21 alunni per classe e se ci sono realtà di sovraffollamento è solo per assecondare le richieste eccessive delle famiglie su sezioni particolarmente ambite, dalle province giungono notizie di aule che superano di gran lunga i limiti previsti per legge.

 

In una scuola di Todi, in Umbria, è stata appena composta una classe con 39 allievi, compreso un alunno con l’insegnante di sostegno: a denunciarlo è il presidente del Consiglio d’Istituto, il quale ha deciso di rivolgersi al Ministro Marco Bussetti addebitando l’incredibile “decisione dell’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria che, applicando la normativa in essere, non ha previsto lo sdoppiamento della prima classe del Liceo Scientifico nonostante i 39 ragazzi iscritti di cui uno diversamente abile con sostegno”. Pur di non sdoppiare la classe, spiega il genitore, l’Usr “auspicherebbe che fosse il Dirigente Scolastico a ‘convincere’ i genitori circa l’indirizzo al quale iscrivere il proprio figlio. Della serie: non possiamo permetterci che ognuno possa liberamente scegliersi un proprio progetto educativo”.

 

Quanto sta accadendo confligge con il testo collocato a pagina 41 del Contratto di governo M5S-Lega, dove c’è scritto: “In questi anni le riforme che hanno coinvolto il mondo della scuola si sono mostrate insufficienti e spesso inadeguate, come la c.d. ‘Buona Scuola’, ed è per questo che intendiamo superarle con urgenza per consentire un necessario cambio di rotta, intervenendo sul fenomeno delle cd. ‘classi pollaio’”. Come si intenda superare tale linea di tendenza, ignobile per un paese che si qualifica tra i più avanzati al mondo, non è ancora però noto.

 

Ma forse non c’è da sorprendersi se poi, scorrendo la stessa pagina dei buoni intenti del contratto dell’attuale esecutivo, leggiamo: “Particolare attenzione dovrà essere posta alla questione dei diplomati magistrali e, in generale, al problema del precariato nella scuola dell’infanzia e nella primaria”. Anche su questo versante abbiamo visto come stanno andando le cose, purtroppo. Come fa pensare il fatto che tra le linee programmatiche presentate dieci giorni fa dallo stesso Ministro dell’Istruzione non vi sia traccia né indicazioni indirette che intendano fermare questo malcostume dell’alto numero di alunni concentrati nella stessa classe

 

“Quanto si sta realizzando – ricorda Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – è purtroppo in piena sintonia con quello che è accaduto negli ultimi dieci anni, con i tagli imposti a partire dalla Legge Berlusconi-Gelmini 133/08. Sorprende, però, che a rendersi artefice di tale conferma sia lo stesso Movimento 5 Stelle, autore in passato di diverse battaglie e interpellanze parlamentari portate avanti proprio per trovare soluzione al problema delle classi pollaio. Il dilemma, come ha fatto più volte osservare il M5S, non è solo di organici da ridurre all’osso, quindi di risparmi, perché con meno classi servono meno docenti, Ata, scuole e dirigenti: a destare preoccupazione sono le conseguenze”.

 

“Comporre una classe con così tanti alunni – continua il sindcalista Anief-Cisal – è di una gravità estrema. Perché in un colpo solo si vanno a minare il diritto allo studio (non è possibile fare lezione a 39 alunni nello stesso momento), il diritto alla sicurezza (in un’aula o laboratorio ci sono dei precisi vincoli legislativi che armonizzano i metri quadri a disposizione di ogni allievo con quelli dello spazio circostante), i limiti numerici normativi in presenza di alunni disabili (20 alunni per classe in caso di disabilità grave e 25 alunni se lieve). Per non parlare dei problemi di sovraccarico di lavoro che debbono affrontare i docenti impegnati nel seguire contemporaneamente così tanti alunni. Noi, come sindacato, non possiamo tollerare che si riparti per un altro anno in queste condizioni. E non si dica – conclude Pacifico – che si tratta di casi sporadici: quanto sta accadendo a Todi non è tollerabile, nemmeno fosse l’unico caso in Italia”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione