Classi da 10 alunni come in Francia per combattere la dispersione scolastica. Valditara: “Da gennaio andrò nelle scuole difficili”

WhatsApp
Telegram

Classi da 10 alunni come in Francia per combattere la dispersione scolastica. Il ministro Valditara, in un’intervista a La Repubblica, sfodera il modello transalpino contro i numeri da paura sull’abbandono scolastico. 

Con dispersione scolastica non si indica solo l’abbandono, l’interruzione definitiva degli studi, ma anche la totale non scolarizzazione, la ripetenza e i casi di ritardo (cioè interruzione temporanea della frequenza per determinati periodi). Al 2019 il tasso di dispersione scolastica in Italia, secondo i dati Eurostat, era del 14,5%.

Per Valditara, una strategia può essere quella utilizzata nelle banlieue francesi: classi da 10 alunni nei contesti più difficili:  “All’Ocse ho portato la proposta di creare una banca dati sulle migliori pratiche nella lotta alla dispersione scolastica. Mentre ho appena istituito una commissione di esperti sul bullismo, che è una delle cause dell’abbandono, per trovare soluzioni. Da gennaio andrò nelle scuole in realtà difficili per capire, ci sono situazioni dove i genitori non mandano volontariamente i figli a scuola ed è gravissimo”.

Leggi anche

PNRR, contrasto dispersione scolastica e digitale: si parte da febbraio, 100 ore per studenti a rischio. Pubblicate le LINEE GUIDA

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro