Classi di concorso “atipiche”: Tar Lazio annulla parte delle note ministeriali su A039 e A060

di Lalla
ipsef

red – Il Tar Lazio, con sentenza n. 07070/2013 è intervenuto su un ricorso relativo alle classi di concorso atipiche, in particolare la classe A039 e A060, per le quali il Ministero aveva predisposto parecchie note. Il giudizio sulla circolare per gli organici 2013/14 è stato rinviato a dicembre 2013. Nè da notizia il sindacato SAB.

red – Il Tar Lazio, con sentenza n. 07070/2013 è intervenuto su un ricorso relativo alle classi di concorso atipiche, in particolare la classe A039 e A060, per le quali il Ministero aveva predisposto parecchie note. Il giudizio sulla circolare per gli organici 2013/14 è stato rinviato a dicembre 2013. Nè da notizia il sindacato SAB.

La sentenza del Tar Lazio del 16 luglio 2013 ha annullato la nota ministeriale n. 2320 del 29 marzo 2012, la nota ministeriale n. 679 del 4 maggio 2012, la nota ministeriale n. 3714 del 16 maggio 2012, la nota ministeriale a prot. n. 2916 del 21 marzo 2013 nelle parti

  • in cui non attribuiscono ai docenti abilitati nella classe di concorso 60/A ( scienze naturali, chimica e geografia, microbiologia) l’insegnamento di scienze integrate (Fisica), di scienze integrate (Chimica), di chimica organica e biochimica
  • nelle parti in cui è prevista la residualità della classe di concorso 60/A rispetto alla classe 39/A per l’insegnamento della geografia nel primo biennio dell’indirizzo “Amministrazione, finanza e marketing” e “Turismo”
  • nella parte in cui è stata prevista la disciplina, in assenza della revisione delle classi di concorso di cui alla legge n. 133 del 2008, per le attuali classi di concorso in cui confluiscono le discipline relative ai primi quattro anni di corso degli istituti di secondo grado interessati al riordino;

Per quanto riguarda la circolare sugli organci per l’a.s. 2013/14 (circolare ministeriale n. 10 del 21 marzo 2013), il TAR non ha potuto esprimersi perchè allo stato non ne risulta la registrazione presso la Corte dei Conti, né il Miur ha reso edotto il Collegio sul punto, pertanto il Miur è stato incaricato di prediporre un’istruttoria per far conoscere, se nelle more del ricorso il decreto interministeriale comunicato in bozza con la ridetta circolare n. 10/2013 sia stato registrato, entro sessanta giorni dalla notificazione o dalla comunicazione della presente sentenza parziale, rinviando ogni questione su tale provvedimento alla pubblica udienza del 12 dicembre 2013.

La sentenza

Versione stampabile
soloformazione