Geografia deve essere insegnata da abilitati in A021, stop alle cattedre atipiche, si immettano in ruolo i vincitori di concorso

WhatsApp
Telegram

In riferimento alla ipotesi di revisione delle tabelle delle nuove classi di concorso di cui al D.P.R. 19/2016, al parere del CSPI e che sarà oggetto di una seduta di informativa il 9 gennaio 2017 , che contiene , tra le tante correzioni e/o integrazioni, anche quella relativa all’ ammissione “ad esaurimento limitatamente alla salvaguardia della titolarità” della classe di concorso A-50 (Scienze) agli insegnamenti di “Geografia” negli Istituti professionali e tecnici, il Coordinamento SOS Geografia fa rilevare :

il riordino delle classi di concorso , frutto peraltro di un lungo lavoro di elaborazione e mediazione politica, prevede che la Geografia debba essere insegnata esclusivamente dai docenti abilitati nella A021 – Geografia;
la ratio di tale disposizione è da ricercarsi nella specificità della formazione richiesta dagli insegnamenti in oggetto, nonché nella specificità dell’ insegnamento, derivante dalla confluenza di indirizzi nei quali esso era affidato esclusivamente alla classe 39/A, ora A-21 (nota MIUR 679/2012);

per troppo tempo, e in assenza del provvedimento di rango regolamentare richiesto, gli insegnamenti di “Geografia” sono stati illegittimamente affidati anche a classi di concorso non aventi titolo (c.d. atipicità) al fine di limitare esuberi e salvaguardare la titolarità del personale di ruolo;

nonostante l’ illegittimità, lo stesso regime si è protratto anche durante lo scorso A.S. (D.D. 414/2016 e 635/2016), pur in presenza del provvedimento di rango regolamentare richiesto, rappresentato dal D.P.R. 19/2016 e senza alcuna motivazione a legittimarne la deroga ;

il protrarsi del regime di atipicità non è conforme ai principi di buon andamento e imparzialità dell’ Amministrazione in quanto avviene: a) in violazione dell’ art. 33 comma 5 Costituzione, che prescrive un Esame di Stato per l’ esercizio all’ abilitazione professionale; b) in violazione del D.Lgs. 206/2007, che prescrive l’ abilitazione professionale per l’ esercizio di professioni regolamentate; c) in violazione dell’ art. 97 comma 2 Costituzione e del D.Lgs. 165/2001, che prescrivono l’ obbligo della conformità alla Legge degli atti e delle operazioni di determinazione degli organici, secondo gli ordinamenti di ciascuna P.A.

A fortiori appare pertanto illegittimo qualunque provvedimento inteso a protrarre il regime di atipicità di attribuzione degli insegnamenti di “Geografia”;

alla luce delle modifiche introdotte dalla L. 107/2015, è inoltre evidente come la legittima salvaguardia della titolarità di docenti della classe A-50 debba avvenire attraverso iniziative di potenziamento dell’ offerta formativa con riferimento alle competenze matematico-logiche e scientifiche (art. 1 comma 7 lett. b) L. 107/2015) e non , ancora una volta, attraverso l’ introduzione del regime delle atipicità per decreto;

non si comprende per quale motivo in uno Stato ,che dovrebbe essere di diritto , per alcuni docenti (A050) il “diritto” non vale ma vale esclusivamente il proprio tornaconto a detrimento di altri (A021) che hanno legittimamente investito sulla propria formazione, conseguito l’abilitazione e superato il concorso;

una tale proposta genererebbe un’ulteriore erosione delle già poche cattedre di Geografia a detrimento anche dei vincitori dell’ultimo e recente concorso che già in questo A.S. non sono stati immessi in ruolo ;

è palesemente anticostituzionale , oltre che dannoso e diseducativo per gli studenti ,affidare l’insegnamento di una disciplina a chi non la conosce (art. 33 della Costituzione);

sarebbe stupefacente il comportamento di quei sindacati, i quali per la Costituzione sono organizzazioni democratiche, che eventualmente sostenessero una simile proposta ignorando i diritti di TUTTI i lavoratori (che dovrebbero rappresentare) e prestandosi alle manovre corporative di classi di concorso più rilevanti solo da un punto di vista numerico;

ci auguriamo che queste proposte vengano ritirate da chi le ha formulate e chiediamo a tutti i destinatari di questo documento una netta presa di posizione in merito .

Tutto ciò premesso, il Coordinamento SOS Geografia fa appello alla Ministra, al Parlamento e agli Organi competenti affinché la vergogna delle cattedre atipiche cessi una volta per tutte e avvenga la piena e totale restituzione, legittimamente prevista, delle ore degli insegnamenti di “Geografia” e “Geografia generale ed economica” ai lavoratori della classe A021, in accordo col dettato costituzionale e a beneficio e tutela dell’ interesse generale, della qualità della formazione degli studenti e della dignità dei lavoratori della classe A-21, già troppo penalizzati dall’eliminazione della disciplina in molti indirizzi.

Per il Coordinamento Nazionale SOS Geografia
Prof. Riccardo Canesi

WhatsApp
Telegram

Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) sono un’opportunità professionale anche per gli insegnanti. Tutte le informazioni qui e su TuttoITS.it