Cittadinanza e costituzione, Miur: “Con riforma assume enorme importanza”

di Lalla
ipsef

MIUR – Con riferimento all’articolo apparso su Repubblica, si precisa che Cittadinanza e Costituzione "non è una materia di serie B" e le affermazioni riportate sono prive di qualsiasi fondamento.

MIUR – Con riferimento all’articolo apparso su Repubblica, si precisa che Cittadinanza e Costituzione "non è una materia di serie B" e le affermazioni riportate sono prive di qualsiasi fondamento.

La valutazione di "Cittadinanza e Costituzione" è non solo prevista all’internom dell’ambito storico-geografico e storico-sociale di cui è parte integrante ma "influisce in maniera determinante nella definizione del voto di comportamento per le ricadute che determina sul piano delle condotte civico sociali espresse all’interno della scuola". Fuori da questo articolato contesto, Cittadinanza e Costituzione, rischierebbe, come già da tempo il Miur aveva anticipato, di essere una riedizione della vecchia Educazione civica, confinata solo nelle pagine dei libri di testo. Uno scenario che in tutta Europa è stato ormai superato. Quindi il valore e il peso di questa disciplina aumentano enormemente.

Per raggiungere questo obiettivo non sono necessari soltanto "lo studio di un testo" e del percorso che ha portato alla sua definizione, l’approfondimento dei principi che lo hanno ispirato, lo studio degli statuti regionali e degli altri documenti, anche internazionali, che completano il quadro di riferimento. Si deve piuttosto operare perché tutto questo si traduca in "cittadinanza attiva", in competenze,
oltre che conoscenze, secondo una linea di indirizzo che ha ispirato e sostenuto tutto l’impianto dell’attuale Riforma della scuola.

La legge 169/2008 che l’ha introdotta nelle scuole parla, appunto, di "acquisizione nel primo e nel secondo ciclo di istruzione delle conoscenze e delle competenze relative a Cittadinanza e Costituzione, nell’ambito delle aree storico-geografica e storico-sociale e del monte ore complessivo previsto per le stesse. Iniziative analoghe sono avviate nella scuola dell’ infanzia."

Non possiamo (e nessuna legge l’ha mai previsto), quindi, interpretare Cittadinanza e Costituzione come una disciplina tra le altre inserite nel curricolo. Il forte richiamo alle competenze ha spinto il Ministero a promuovere e sostenere iniziative per tradurre in "comportamenti" i numerosi percorsi di approfondimento della Costituzione.

Oltre 3.200 scuole hanno presentato progetti finalizzati a coniugare percorsi di approfondimento e di studio con iniziative ed itinerari di "cittadinanza attiva". Si tratta di un ambito che "prevede propri contenuti", come indicato dalla Circolare 28 ottobre, "che devono trovare un tempo dedicato per essere conosciuti e gradualmente approfonditi. E’ ad un tempo una risorsa straordinaria di trame trasversali generative di saperi, competenze, motivazioni, atteggiamenti, comportamenti, pratiche, azioni."

Questi percorsi sostenuti dal Miur si sono intrecciati con le altre numerose iniziative concrete sulla legalità condotte dalle scuole nell’abito di lotta alla mafia, lotta e prevenzione del bullismo, sicurezza stradale ed educazione alla responsabilità, prevenzione del gioco d’azzardo, utilizzo responsabile del denaro etc.

Il 23 maggio di quest’anno due "Navi della legalità" hanno portato a Palermo oltre 2.500 studenti, in rappresentanza di scuole che avevano intrapreso percorsi di approfondimento su Cittadinanza e Costituzione, per incontrarsi con altri 10.000 arrivati da tutta Italia, nel ricordo delle stragi di Capaci e di via d’Amelio.

Si tratta quindi di attivare esperienze, sostenere percorsi, proporre idee alle scuole perché questa non sia "una materia" come le altre ma "una dimensione educativa che attraversa e interconnette l’intero processo di insegnamento/apprendimento".

Per questo anno scolastico è previsto un significativo potenziamento di tutte queste iniziative, a sostegno di percorsi che si collegheranno anche all’Anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione