Ciracì (MiSoS): bene continuità didattica su sostegno, ma non basta

Stampa

E’ stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri, il decreto inclusione n.66/2017, che presenta diverse novità rispetto al testo presentato in precedenza.

Sul tema è stato intervistato dal TG1 Ernesto Ciracì,  presidente del MiSoS, un’associazione di docenti di sostegno.

In particolare Ciracì ha parlato della continuità didattica del docente di sostegno, anche supplente, ma in possesso di titolo di specializzazione, dietro richiesta della famiglia dello studente e dietro valutazione e approvazione del DS.

Il presidente Ciracì si mostra abbastanza soddisfatto delle modifiche, ma non nasconde che c’è ancora molto lavoro da fare.

Riforma sostegno, approvata: le principali novità. Scarica testo PDF  

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur