Chiusura indagini per maestro che diede della scimmia a bimbo di colore

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Per il maestro supplente che aveva dato del “brutto” e della “scimmia” a due fratellini di colore si potrebbe approfondire la fase giudiziaria oppure si potrebbe chiudere la vicenda senza conseguenze di giudizio.

Si tratta del passo successivo alla chiusura delle indagini di cui dà notizia l’agenzia Ansa.

Il fatto era avvenuto in una scuola elementare in Umbria ed era rimbalzato sulla cronaca di tutti i quotidiani. La procura di Spoleto ha aperto immediatamente un fascicolo in cui ora compare la notifica dell’avvio di conclusione indagini. I reati ipotizzati sono quelli di abuso di mezzi di correzione e maltrattamenti, aggravati dall’odio etnico e razziale.

L’avvocato del maestro ha fatto sapere di voler esaminare gli atti per poter decidere se chiedere un interrogatorio del suo assistito o presentare una memoria.

Il docente aveva immediatamente cercato di giustificarsi, facendo passare l’episodio come un esperimento didattico. Nonostante questa sua versione, era stato sospeso fino al termine del procedimento penale. Secondo il padre dei bambini, infatti, è stato un episodio di razzismo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione