“Chiudere le scuole di ogni ordine e grado per due settimane e fare test rapidi a studenti e personale scolastico”. La proposta di Ciracì (MiSoS)

Stampa

Ernesto Ciracì, presidente del MiSoS, associazione nazionale docenti di sostegno specializzati, lancia una proposta per la riapertura scuola in sicurezza, data la situazione di incertezza che si sta verificando in queste ultime ore.

La mia proposta, come Presidente dell’Associazione MiSoS al Governo e Miur, in merito all’apertura delle scuole è di buon senso: vista la preoccupante impennata dei contagi Covid- 19, chiudiamo tutte le scuole di ogni ordine e grado dall’infanzia alla secondaria di secondo grado per un paio di settimane, necessario anche per ripristinare la tracciabilità parzialmente non eseguita in gran parte degli istituti scolastici, indispensabile dopo il periodo di vacanze natalizie, eseguendo in modo obbligatorio test rapidi per tutto il persona scolastico, docenti, studenti e successivamente rientrare in sicurezza“. Lo ha spiegato Ernesto Ciracì su RadioCusano, nel corso della trasmissione Open Day.

Non possiamo andare a scuola con la paura, la preoccupazione. Questa non è scuola.

Stampa

Concorso STEM Orale e TFA Sostegno? Preparati con CFIScuola