Concorso ordinario 2020 classe A022: “Chiare fresche dolci acque”, una domanda sulla metrica di Petrarca potrebbe valere il superamento della prova scritta

WhatsApp
Telegram

L’ombra di Petrarca si abbatte sul TAR del Lazio, generando scompiglio tra gli aspiranti docenti di italiano, storia e geografia del concorso ordinario di cui al DD n. 499 del 21 aprile 2020, svolto nel marzo 2022 e i tecnici del Ministero.

L’oggetto del contendere è una domanda relativa alla struttura metrica della celeberrima canzone petrarchesca, “Chiare fresche dolci acque”. La risposta corretta potrebbe significare un drastico cambiamento nel percorso professionale di chi non ha raggiunto la soglia minima di 70/100 al concorso, ed è stato escluso dalla successiva prova orale.

Alcuni docenti con un punteggio di 68/100 alla prova scritta hanno avviato il dibattito portando il caso al TAR del Lazio . Anche i giudici, di fronte alla complessità della questione, hanno deciso di consultare un esperto.

La richiesta è chiara: la domanda chiede di identificare quale dei due versi “qual fiore cadea sul lembo” e “qual sulle trecce bionde” sia la sirma.

Il contenzioso dovrà definire la differenza tra la “sirma” – la seconda parte del componimento – e la “chiave” – il verso che unisce le due parti – e stabilire quale fosse la sirma nella quarta strofa della Canzone CXXVI, come richiesto nel test del concorso.

La risposta, che dovrebbe arrivare entro trenta giorni da un professore dell’università la Sapienza, costerà 500 euro alla ricorrente, come stabilito dai giudici del TAR.

L’incertezza persiste: il destino di questi aspiranti docenti rimane appeso a un filo fino al 5 dicembre, data della prossima udienza.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri