Chiamata diretta, tra giugno e luglio pubblicazione avvisi da parte delle scuole. Cosa faranno i collegi docenti e cosa i dirigenti. La nota del Ministero

di redazione
ipsef

Pubblicata la nota protocollare n. 16977 del 19.04.2017, che riguarda la procedura di passaggio dei docenti da ambito territoriale a scuola in attuazione dell’art. 1, commi 79 e successivi della legge 13 luglio 2015 n. 107, con l’approvazione di un CCNI.

La nota sintetizza i procedimenti innovativi rispetto alla procedura della precedente mobilità (nota MIUR n. 2609 del 22 luglio 2016); essi sono:

a) la necessità di convocare il Collegio dei docenti che, su proposta del Dirigente Scolastico, delibera in merito alla tipologia dei requisiti, in numero non superiore a sei tra quelli elencati nell’allegato A all’ipotesi di CCNI, da indicare negli avvisi e da tenere in considerazione e ai fini dell’esame comparativo delle candidature dei docenti titolari su ambito ( punto 3 dell’ipotesi di CCNI);
b) la necessità di evidenziare negli avvisi i criteri oggettivi da adottare nell’esame comparativo delle candidature in questione;
c) i termini unici e perentori, fissati a livello nazionale dal MIUR e indicati nella citata nota n.16977/2017, per l’adozione della deliberazione del Collegio dei docenti e per la pubblicazione degli avvisi;
d) la diversa modalità di conferimento degli incarichi ai docenti non destinatari di proposta, i quali dovranno essere assegnati alle sedi scolastiche, da parte del competente Ufficio Scolastico provinciale, secondo l’ordine di priorità indicato al punto 8 dell’ipotesi di CCNI.

Dopo la pubblicazione dei movimenti, con una nota saranno definite le ulteriori tempistiche per la presentazione delle candidature e dei Curriculum Vitae da parte dei docenti titolari su ambito, per l’individuazione dei destinatari degli incarichi e per l’azione surrogatoria da parte degli Uffici regionali.

Si evidenza comunque sin da ora l’esigenza che al termine delle operazioni di mobilità ordinaria e prima dell’avvio della procedura di formalizzazione degli incarichi vengano assegnati alle sedi coerenti con la natura delle proprio precedenze i docenti che si avvalgono dei benefici di cui all’art 13 del CCNI inerente la mobilità del personale docente per l’a.s. 2017/18. Inoltre, entro i medesimi
termini, dovranno essere rese note le sedi vacanti e disponibili per il conferimento degli incarichi anche per consentire ai Dirigenti scolastici gli eventuali aggiornamenti degli avvisi pubblicati, secondo quanto previsto dall’ipotesi contrattuale.

Si conferma che anche per quest’anno verranno messe a disposizione dei Dirigenti e dei Docenti apposite funzioni informatiche di supporto alle azioni previste dal CCNI allegato, in particolare per quanto riguarda la consultazione dei Curriculum dei candidati e il conferimento dell’incarico ai docenti individuati, tuttavia si richiama sin da ora l’attenzione sulla diversa articolazione della procedura di conferimento delle sedi ai docenti non destinatari di proposta di incarico, procedura che la contrattazione in parola prevede si svolga in ordine di graduatoria e di arrivo sull’ambito. Pertanto saranno assegnati prima i docenti trasferiti, poi quelli immessi in ruolo dalle graduatorie concorsuali e infine quelli immessi in ruolo dalle graduatorie provinciali ad esaurimento.

I dirigenti dovranno evidenziare negli avvisi i criteri oggettivi con i quali intenderanno procedere all’esame comparativo delle candidature dei singoli docenti, al fine di conferire all’atto di individuazione le necessarie caratteristiche di trasparenza.

Scarica la nota
Scarica l’ipotesi di contratto

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare