Chiamata diretta. I sindacati si difendono: non è stata introdotta dalla Mobilità

WhatsApp
Telegram

Le OO.SS., firmatarie dell'ipotesi di CCNI concernente la mobilità del personale docente, educativo e ATA per l'anno scolastico 2016/17, scrivono in data odierna al direttore del quotidiano "La Repubblica" per difendersi dall'accusa di aver avallato o addirittura introdotto con la firma del contratto il sistema degli ambiti territoriali e la "chiamata diretta" dei docenti presenti negli ambiti. 

Le OO.SS., firmatarie dell'ipotesi di CCNI concernente la mobilità del personale docente, educativo e ATA per l'anno scolastico 2016/17, scrivono in data odierna al direttore del quotidiano "La Repubblica" per difendersi dall'accusa di aver avallato o addirittura introdotto con la firma del contratto il sistema degli ambiti territoriali e la "chiamata diretta" dei docenti presenti negli ambiti. 

Le OO.SS. precisano che il sistema degli ambiti e della proposta d'incarico ai docenti da parte dei dirigenti scolastici sono previsti dalla legge n.107/2015 e non certo dal CCNI che gli stessi hanno firmato.

Con il contratto, affermano ancora le sigle sindacali, sono state al contrario attenuate le rigidità della legge di Riforma. Confrontando la 107 con il contratto appena sottoscritto risultano evidenti i risultati conseguiti:

  • il personale soprannumerario non andrà a finire negli ambiti, bensì avrà la titolarità su scuola;
  • i docenti assunti entro l'anno scolastico 2014/15, che chiederanno trasferimento in ambito provinciale, avranno la titolarità non su ambito ma su scuola;
  • i docenti assunti entro l'anno scolastico 2014/15, che chiederanno trasferimento innterprovinciale, avranno la titolarità su scuola, se soddisfatti nel primo ambito territoriale.

Le OO.SS. lamentano, soprattutto, quanto scritto dal quotidiano relativamente alla chiamata diretta, affermando che non è il contratto ad introdurla, anzi, lo stesso prevede all'articolo 1 che le procedure, le modalità e i criteri di assegnazione dei docenti dall'ambito alle scuole siano oggetto di apposita sequenza contrattuale, da porre in essere entro 30 giorni dalla firma del medesimo contratto, al fine di garantire trasparenza e oggettività  a tutta la procedura.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur