Chiamata diretta, serve a testare il merito dei docenti? No, i loro nervi

di redazione
ipsef

Ditemi se ha senso….

M.R. di Cosenza docente di matematica e scienze alla scuola media (A059) che sia stato assegnato all’ambito 11dell’emilia romagna ( Vignola- Maranello- Formigine-Sassuolo- Fiorano e tutta la montagna fino a Zocca- Sestola- Pieve). 

Ditemi se ha senso….

M.R. di Cosenza docente di matematica e scienze alla scuola media (A059) che sia stato assegnato all’ambito 11dell’emilia romagna ( Vignola- Maranello- Formigine-Sassuolo- Fiorano e tutta la montagna fino a Zocca- Sestola- Pieve). 

Il docente verrà a conoscenza dell’ambito a cui è stato assegnato (poniamo quello nell’esempio cioè 11dell’emilia romagna provincia di Modena) nella giornata del 2 agosto quando verranno pubblicati i movimenti

Cosa fare?

  1. Dovrà attendere che i Dirigenti Scolastici delle scuole medie dell’ambito 11 pubblichino un avviso con i posti dimatematica e le caratteristiche che i docenti dovranno avere Questo accadrà, secondo la nota ministeriale, dal 6 agosto
  2. Dal 6 al 9 agosto il docente M.R. dovrà provvedere a mandare la propria candidatura e il CV alle scuole dell’ambito territoriale 11
  3. Dal 10 agosto al 18 agosto i Dirigenti Scolastici, in base ai CV ricevuti (chiamando eventualmente i docenti anche a un colloquio che puo’ essere anche via Skype….magarise sono in ferie o  a casa lontano…)dovranno scegliere il/i docenti e fare l’individuazione (come farannoa scegliere se avranno piu’ docenti rispetto ai posti con le stesse caratteristiche???) e fare l’individuazione

 A questo punto si aprono diverse possibilità:

  • Se il docente è stato individuato da piu’ dirigenti sceglierà la scuola in cui andare a prestare servizio
  • Se il docente non è stato individuato da nessun dirigente dovrà attendere che sia  il direttore a collocarlo d’ufficio nell’ambito ( non ci sono criteri inproposito!!!!!)
  • il nostro docente nel frattempo, se ha famiglia a Cosenza, potrà fare domanda di assegnazione provvisoria su scuola nell’ambito di Cosenza in cui risiede la famiglia

c1- Se ottiene l’assegnazione provvisoria tutto quello descritto sopra sarà stato fattoinutilmente. Il Ds si troverà senza insegnante e dovrà chiamare un supplente

c2-senon ottiene l’assegnazione resterà a Modena nella scuola dove il Ds lo ha individuato o ildirettore regionale lo ha collocato

 

Questa sarebbe una procedura per “testare” il “merito”? O non è piuttosto una procedura che attesta cosa succede quando manca il buonsenso e prevale lapregiudiziale ideologica?

Sicuramente alla fine del percorso M.R avrà “testato” la solidità dei suoi nervi!

Monica Barbolini-segretaria Cisl scuola Emilia centrale

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare