Chiamata diretta neo immessi, Flc Cgil: numerosi gli errori che rischiano di inficiare l’intera procedura

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Continua a far discutere e ad essere fortemente criticata la “chiamata diretta”, introdotta dalla legge n. 107/2015. 

La denuncia delle criticità, che stanno accompagnando la procedura per i neo immessi, arriva dalla Flc Cgil Basilicata, come possiamo leggere su www.oltrefreepress.com

Il sindacato evidenzia la farraginosità ed eccessiva burocratizzazione che caratterizzano il sistema di assegnazione dei docenti titolari di ambito da quest’ultimo alle scuole e i numerosi errori, che si stanno verificando per “le tempistiche assurde” imposte dal Miur alle scuole.

Tra gli errori:

  • proposte di incarico da parte di scuole che non hanno pubblicato alcun avviso;
  • scuole che hanno pubblicato avvisi con scadenza anteriore a quella prevista per l’inserimento del CV, dei requisiti e della scuola di partenza da parte dei docenti;
  • convocazione di docenti per colloquio, sebbene nel Contratto sulla chiamata per competenze non sia previsto (ricordiamo, però, che lo prevede la legge 107);
  • proposte di incarico a docenti che non hanno inviato candidatura;
  • proposte di incarico sulla base di requisiti non previsti nell’Allegato A al predetto Contratto.

Insomma, numerosi errori che rischiano di inficiare l’intera procedura di assegnazione dei docenti titolari di ambito alle scuole.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione