Chiamata diretta insegnanti, Bussetti: la supereremo. Il 26 giugno incontro al Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Non si conoscono ancora i particolari operativi, né le tempistiche. Probabilmente qualche anticipazione ci sarà il 26 giugno, durante l’incontro previsto con i sindacati firmatari del contratto.

L’incontro del 26 giugno ha infatti per oggetto:

utilizzazioni, assegnazioni provvisorie e mobilità da ambito territoriale a scuola.

Proprio la mobilità da ambito territoriale a scuola, che lo scorso anno è stata disciplinata da un apposito contratto, potrà essere oggetto di una revisione totale. I trasferimenti sono avvenuti e avveranno anche per gli ordini di scuola mancanti (secondaria di I e II grado) secondo le regole previste dal CCNI sulla mobilità 2018/19, ma il nuovo scenario politico potrebbe dare il primo affondo alla Buona Scuola partendo proprio da quello strumento che è stato considerato il simbolo dello “strapotere” dei Dirigenti Scolastici. Ricordiamo che la chiamata diretta riguarda anche i docenti che saranno assunti a tempo indeterminato per l’a.s. 2018/19.

Il Ministro non ha voluto rivelare qual è la soluzione alla quale sta lavorando con la sua squadra. Su questo, come su molti altri argomenti, mantiene il riserbo. Ha però annunciato per l’estate una stagione di ascolto per capire come affrontare e superare la Buona Scuola.

Bussetti: in estate il punto sulla Buona Scuola, voglio ascoltare tutti i soggetti coinvolti

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione