Chiamata diretta. Faraone: tra i titoli nessun corsetto di bassa lega

di redazione
ipsef

L'informativa ai sindacati sulle linee guida, relative alla chiamata diretta, è terminata da poche, come abbiamo prontamente riferito in "Chiamata diretta, pieni poteri al dirigente. Tempi stretti per curriculum e accettazione scuola. Super lavoro per le segreterie. Forse slittamento date mobilità". 

L'informativa ai sindacati sulle linee guida, relative alla chiamata diretta, è terminata da poche, come abbiamo prontamente riferito in "Chiamata diretta, pieni poteri al dirigente. Tempi stretti per curriculum e accettazione scuola. Super lavoro per le segreterie. Forse slittamento date mobilità". 

La vicenda, come è noto, era iniziata attraverso un tavolo di contrattazione, che sembrava doversi concludere positivamente con la sottoscrizione di una sequenza contrattuale da parte di Miur e Sindacati; poi, però, c'è stata una rottura che si è rivelata insanabile, aggravata da quanto sembra aver delineato il Miur nelle linee guide, attese per le prossime ore e nelle quali dovrebbe essere delineato un iter di assegnazione dei docenti titolari su ambito alle scuola affidato alla discrezionalità dei dirigenti scolastici.

La rottura, come abbiamo riferito in diversi nostri articoli, è avvenuta sulla questione dei titoli che, secondo i sindacati, sono numerosi e poco attinenti all'attività didattica e daranno luogo alla cosiddetta corsa ai titoli o mercato dei titoli.

Riguardo alla  natura e alla qualità dei titoli è intervenuto il sottosegretario Davide Faraone, secondo il quale  nessun "corsetto di bassa lega" sarà indicato nell'elenco che il Miur fornirà nelle linee guida e non esiste alcuna corsa ai titoli.

Faraone ha parlato anche della rottura con i sindacati, dovuta al fatto che il Miur non può accettare che le OO.SS. esercitino un potere di veto e si preoccupino solo del numero dei titoli o di quanti ne possano indicare nel mini-bando i dirigenti. La vera questione – per il Sottosegretario – sta nel permettere alle scuole di scegliere i docenti più confacenti al proprio PTOF. 

Tutto sulla chiamata diretta.

Chiamata diretta. Si lascia alla libera determinazione delle scuole ogni azione di passaggio. UIL: ricadrà sui Dirigenti Scolastici

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare