Chiamata diretta docenti, D’Aprile (Uil Scuola Rua): “Con gli insegnanti di sostegno scelti dalle famiglie si rievoca la 107/2015. Come si può stare zitti?”

WhatsApp
Telegram

I docenti di sostegno confermati anche secondo le preferenze delle famiglie possono essere un precedente perché ciò accada anche per gli insegnanti su posto comune. Questo il pensiero espresso dal Segretario generale della UIL Scuola Rua, Giuseppe D’Aprile, durante la manifestazione nazionale “Scegliamo il Futuro”, svoltasi il 23 aprile al Teatro Italia di Roma.

Come si può pretendere di stare zitti quado si dice che le famiglie degli alunni con disabilità si scelgono l’insegnante e lo confermano per tre anni sul proprio posto? Quando si fanno le norme bisogna azionare il cervello. Averlo proposto sul sostegno, e forse non verrà mai realizzato, potrebbe essere l’anticamera di proporlo anche per i posti curriculari. Questo rievoca la legge 107 del 2015, la chiamata diretta. Allora dobbiamo avere il coraggio di dire che queste norme sono apparentemente fatte dalla destra ma che piacciono, purtroppo, anche a gran parte della sinistra, una sinistra assente” afferma D’Aprile.

La Uil ha presentato il suo manifesto programmatico in 8 punti chiave:

1. LA SCUOLA FUORI DALL’AUTONOMIA DIFFERENZIATA
La riduzione dei divari territoriali e il contrasto alla dispersione scolastica sono obiettivi che ci chiede l’Europa e, entro il 2030. Questi obiettivi poco hanno a che fare con il disegno di autonomia differenziata e si collegano solo parzialmente al progetto di dimensionamento in atto che, secondo le direttive europee, andava realizzato contestualmente alla riduzione del numero di alunni per classe.

2. I SETTORI DELLA CONOSCENZA FUORI DAL PATTO DI STABILITA’
La spesa corrente per il sistema nazionale di scuola, università e ricerca va tenuta fuori dalle politiche di austerity e riduzione della spesa. Investire in istruzione significa garantire sviluppo, coesione, inclusione al nostro Paese. Bisogna anche superare il metodo di calcolo della cosiddetta “spesa storica”, in base alla quale l’attribuzione delle risorse viene effettuata sulla base di quanto speso in passato da uno stesso ente per uno stesso servizio. In pratica, riceve di più chi garantisce determinati servizi, a svantaggio di chi non è stato mai in grado di erogarli.

E poi:

  • Il miglioramento dei contratti per il personale della scuola, dell’università e della ricerca.
  • L’aumento delle retribuzioni per riconoscere il valore sociale del personale.
  • La garanzia di docenti specializzati per gli alunni con disabilità.
  • La progressiva eliminazione del lavoro precario nel mondo della scuola.
  • La programmazione di un piano di investimenti nel settore pubblico per università e ricerca.
  • La garanzia del diritto universale allo studio per tutti, specialmente per i giovani in difficoltà economica.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri