Chiamata diretta, dirigenti non usano Skype per colloquio e docenti Sud affrontano inutili spese viaggio e alloggio

WhatsApp
Telegram

Un meccanismo perverso questo della chiamata diretta, che di giorno in giorno mostra sempre più lati inimmaginabili per i docenti.

Un meccanismo perverso questo della chiamata diretta, che di giorno in giorno mostra sempre più lati inimmaginabili per i docenti.

Dopo aver segnalato numerose forzature negli avvisi di alcune scuole, ci giunge segnalazione da parte di docenti del Sud che lamentano il rifiuto da parte di alcuni dirigenti di utilizzare i mezzi informatici per effettuare il colloquio.

Infatti, molti docenti catapultati negli ambiti territoriali del Nord, sono stati convocati dalle scuole per effetture il colloquio con i dirigenti delle scuole che hanno scelto.

Una procedura legittima da parte del dirgente e prevista dalle linee guida. Linee guida che, però, indicano come possibile strumento per effetuare il colloquio anche i mezzi informatici, come Skype.

I dirigenti in questione, invece, hanno chiesto un colloquio in presenza ai docenti del Sud che sarebbero costretti, quindi, a prenotare un volo e albergo in pochi giorni, con prezzi d'alta stagione, e in tempi ristrettissimi.

Alla richiesta da parte dei docenti di un colloquio tramite Skype, i dirigenti in questione hanno prontamente rifiutato.

Un rifiuto che spetta esercitare al dirigente, ma che rappresenta un motivo di discriminazione nel confronti dei docenti che si troveranno costretti a decidere se affrontare una spesa notevole per affrontare un colloquio o addirittura dover rinunciare alla scuola scelta.

Segnalaci anomalie sulla chiamata diretta [email protected] anonimato garantito

Tutto sulla chiamata diretta

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur