Chiamata diretta, dirigente potrà scegliere fino a 6 criteri e graduarli. Restano esperienza per funzione organizzazione e coordinamento

di redazione
ipsef

Novità, fornite da ItaliaOggi nell'edizione odierna, per quanto riguarda la chiamata diretta e il nuovo regolamento.

Novità, fornite da ItaliaOggi nell'edizione odierna, per quanto riguarda la chiamata diretta e il nuovo regolamento.

Ieri vi abbiamo dato delle anticipazioni, a partire da una possibile riformulazione dei criteri per assegnare i docenti alle scuole, sebbene il numero sarà sostanzialmente invariato. Intorno alla trentina. Eccovi l'elenco presentato ai sindacati.

Tra le novità, come vi avevamo anticipato qualche giorno fa, l'eliminazione del vincolo di 4 criteri (come da primo accordo con i sindacati) da inserire nel bando di selezione emanato dalle singole scuole. Secondo Italia Oggi, i dirigenti saranno liberi di sceglierne in numero variabile da 3 a 6. Inoltre, questi criteri potranno essere graduati.

Più mano libera ai presidi, dunque, come promesso da Marco Campione in una intervista rilasciata alla nostra redazione.

Restano, anche questo punto era chiaro, quei titoli di esperienza legati ad attività di coordinamento e dipartimento che erano stati fortemente criticati dai sindacati.

Addio, secondo Italia Oggi, anche la possibilità per i dirigenti di una scuola di un certo ambito di vedere i curriculum dei candidati di altre scuole dell"ambito per consentire loro di proporre direttamente l'incarico.

Troppe difficoltà nella realizzazione, quindi dovrebbe essere cassato. Vedremo quante di queste indiscrezioni verranno confermate.

Il regolamento è pronto, nelle prossime ore la pubblicazione.

Tutto sulla chiamata diretta

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare