Chiamata diretta, come prepararsi al colloquio col dirigente in 10 mosse. Mentire si può, attenti a Skype

di Anselmo Penna
ipsef

Dopo la pubblicazione degli avvisi, l'invio delle autocandidture da parte dei docenti, il dirigente potrebbe richiedere un colloquio. Come affrontarlo al meglio?

Dopo la pubblicazione degli avvisi, l'invio delle autocandidture da parte dei docenti, il dirigente potrebbe richiedere un colloquio. Come affrontarlo al meglio?

Ecco i nostri consigli:

1. come avverrà la convocazione? Per telefono o per e-mail, nelle linee guida non è specificato. Nel primo caso probabilmente vi chiamerà la segreteria o direttamente il dirigente o un suo vice. Chiunque sia al telefono non rispondete a monosillabi, mettetevi in un posto in cui non ci sia rumore per non dover urlare. Se la convocazione vi arriva per e-mail, rispondete in modo puntuale alle eventuali domande che ti verrano poste e non dimenticare di aprire e chiudere la mail con le formule di cortesia. Non consigliamo di chiedere un rinvio del colloquio, a meno che non siate già stati chiamati da un'altra scuola, a quel punto chiedete il rinvio a quella che vi interessa meno.

2. informatevi sulla scuola. Andate sul sito della scuola e cercate il PTOF. Cercate la mission, individuate i progetti, il Piano di Miglioramento, cercate di individuare la coerenza tra il documento e l'avviso per la ricerca dei docenti che vi ha portato a sceglierla per l'autocandiatura. Adesso mandate tutto a memoria, vi aiuterà a rispondere alle domande del dirigente in modo coerente con gli obiettivi già prefissati dalla scuola.

3. informatevi sul dirigente. Che tipo è? Guardate il suo profilo FaceBook per carpire notizie o rivolgetevi a docenti che lo conoscono.

4. studiate a casa le eventuali domande che il dirigente potrà porvi. In teoria, il colloquio dovrà riguardare chiarimenti sul curriculum, così è scritto nelle linee guida. Nulla impedisce al dirigente di andare oltre e porre domande che possano mettere in luce le vostre capacità relazionali o la vostra capacità di "stare al tuo posto". Attenti a non cadere nei tranelli, anche se pochi dirigenti sono preparati per questo tipo di colloqui, non avendo una formazione specifica.

5. esercitatevi su ciò che direte. Non mettete a mente un testo come una poesia da recitare, createvi, piuttosto, un canovaccio. Se il colloquio avverrà tramite skype (come previsto dalle linee guida) potrete utilizzare un testo da tenere aperto sullo schermo durante il colloquio dove inserire i punti chiave del curiculum e le informazioni sulla scuola.

6. mentire si può. Non è vietato, durante il colloquio, mentire per soddisfare la richiesta del dirigente. Dopo la menzogna, però, vi toccherà studiare velocemente per non perdere la vostra credibilità.

7. Attenti a non contraddirvi.

8. no ad atteggiamenti negativi. Se il dirigente vi chiederà di parlare delle vostre esperienze pregresse, parlate in positivo. No a critiche agli ex colleghi, ai dirigenti o a genitori e studenti.

9. abbigliamento, adeguato. Personalmente non credo che un docente che si presenti in giacca e cravatta sia credibile. A meno che non sia il suo abbigliamento usuale e si presenti ogni giorno così a scuola.

10. Attenzione al colloquio tramite Skype. Qualcuno potrebbe essere portato a pensare di vestire solo la parte superiore del corpo e sotto la scrivania restare in costume da bagno in modo da trovarsi già pronto per scappare a mare terminato il colloquio. Attenzione, perché i dirigenti più smaliziati potrebbero chiedervi di alzarvi in piedi.

Vedi anche

Chiamata diretta, la candidatura va inviata per e-mail. 12 consigli per scriverla in modo efficace

Chiamata diretta, linee guida: chi riguarda? Cosa fanno le scuole, cosa i docenti. Dal curriculum al colloquio, la nostra guida

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione