Chiamata diretta. Colloquio, Faraone: occasione anche per i docenti. Sviluppo professionale docenti nel CCNL? Presto per dirlo

di redazione
ipsef

Il Sottosegretario Davide Faraone, intervistato da Italia Oggi, esprime tutta la propria soddisfazione per il meccanismo dell'assegnazione alle scuole dei docenti titolari su ambito. 

Il Sottosegretario Davide Faraone, intervistato da Italia Oggi, esprime tutta la propria soddisfazione per il meccanismo dell'assegnazione alle scuole dei docenti titolari su ambito. 

Per il sottosegretario si tratta di una rivoluzione, che consentirà alle scuole di scegliere i docenti più adeguati alla realizzazione dell'offerta formativa e al contesto in cui opera la scuola medesima.

Quanto al rapporto con i sindacati, Faraone si è dichiaro dispiaciuto per la rottura delle trattative, dovuta al fatto che i sindacati, relativamente ai criteri, hanno impostato il discorso sulla quantità piuttosto che sulla qualità, che dovrebbe essere al centro di ogni novità e trattativa sulla scuola.

Il Sottosegretario ha difeso, inoltre, il nuovo meccanismo da ogni accusa di mancata trasparenza e di possibili casi di corruzione, essendo il medesimo alquanto lineare: dirigenti pubblicano gli avvisi, indicando criteri trasparenti, oggettivi e  coerenti con il PTOF; agli avvisi seguono le candidature dei docenti in base ai criteri richiesti. Quanto al colloquio, è considerato da Faraone come un'occasione anche per i docenti, che avranno così la possibilità di conoscere e confrontati con altri l'ambiente in cui andranno a lavorare.

Rispondendo, infine, ad una domanda relativa alla possibilità che lo sviluppo professionale dei docenti, così come definito per l'attribuzione degli incarichi, possa entrare a far parte del prossimo CCNL, Faraone non lo esclude, affermando tuttavia che "è ancora presto per dirlo".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione