Chiamata diretta, Claudia Pratelli ( SI): una delle ferite peggiori della cattiva scuola della legge 107

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sinistra Italiana – Una delle ferite peggiori che la legge 107 ha inferto nel corpo della scuola e’ l’istituto della “chiamata diretta”. Un meccanismo che lede il carattere pubblico della scuola mettendo in discussione la liberta’ d’insegnamento, principio cardine su cui si regge la scuola della Costituzione.

Lo afferma Sinistra Italiana con Claudia Pratelli, responsabile nazionale scuola.

In questo nuovo (ma medievale) meccanismo che autorizza discrezionalita’ ed esercizio verticale del potere da parte dei dirigenti scolastici, la cui funzione viene peraltro snaturata, – prosegue la responsabile scuola di SI – rischiano di prodursi discriminazioni, accordi clientelari, meccanismi competitivi tra docenti. Esattamente cio’ che la scuola e’ chiamata a contrastare. Ogni tentativo di limitare tale esercizio di discrezionalita’, immesso da una delle peggiori leggi sulla scuola che il nostro Paese ricordi, rappresenta un elemento di resistenza e rafforza i naturali anticorpi della scuola rispetto a un modello aziendalista, del tutto insensato e sconosciuto nell’alfabeto di un percorso educativo pubblico.

Sinistra Italiana e’ a fianco delle docenti e dei docenti chiamate/i in questa settimane, all’interno dei collegi, a contrastare e arginare questo meccanismo autoritario. Una piena e attiva assunzione delle prerogative da parte del Collegio, in sede di discussione e di deliberazione, puo’ evitare di legittimare scelte unilaterali e verticistiche del dirigente scolastico. Ovviamente l’azione di resistenza e di riduzione del danno e’ solo una delle strategie necessarie per contrastare il modello di scuola imposto da Renzi e Gentiloni.

Sara’ quanto mai necessario nei prossimi mesi – conclude Pratelli – un impegno straordinario del mondo della scuola, delle associazioni e delle politica democratica nel costruire un modello del tutto alternativo di scuola, che ne valorizzi il carattere e la capacita’ cooperativa, democratica, collegiale. Sinistra Italiana nei prossimi mesi sara’ impegnata nel suo cantiere saperi, un percorso di dibattiti e laboratori per costruire in modo partecipato la nostra proposta sulla scuola e sull’universita’.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione