Chiamata diretta, Cangemi (PCI): interventi ANP intimidatori, si torni alla scuola dei diritti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato PCI – In questi ultimi giorni si moltiplicano gli interventi dell’Associazione Nazionale Presidi sui mezzi di comunicazione. Sono interventi brutali nella forma e nella sostanza, improntati a un’inaccettabile arroganza padronale e tendenti a riaffermare una pesante ipoteca sulle politiche scolastiche – ha dichiarato Luca Cangemi, responsabile nazionale scuola del PCI.

Tutto il mondo della scuola deve respingere al mittente questi interventi intimidatori.

Si deve e si può aprire, dopo il voto del 4 dicembre, una fase nuova per la scuola in cui si affermino diritti e democrazia, in cui siano bandite le discriminazioni, a partire da quelle provocate dalla chiamata diretta e dalla distribuzione di premi, fuori da ogni contrattazione.

Il ruolo di condizionamento che l’ANP ha rivestito, illegittimamente, in questi anni oscuri, non può e non deve continuare. Per i dirigenti scolastici che invece intendono essere parte della scuola della Costituzione c’è un ampio spazio per dare un rilevante contributo a una nuova stagione del sistema scolastico pubblico. -ha concluso Cangemi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione