Chiamata diretta, la candidatura va inviata per e-mail. 12 consigli per scriverla in modo efficace

di Anselmo Penna
ipsef

Dopo che i presidi avranno pubblicato gli avvisi per avviare la chiamata diretta, i docenti potranno inviare le proprie autocandiature. Ecco come farlo al meglio.

Dopo che i presidi avranno pubblicato gli avvisi per avviare la chiamata diretta, i docenti potranno inviare le proprie autocandiature. Ecco come farlo al meglio.

I dirigenti potranno pubblicare gli avvisi per la ricerca di docenti secondo il seguente calendario:

  1. infanzia e primaria dal 29 luglio
  2. secondaria I grado dal 6 agosto
  3. secondaria II grado dal 18 agosto

Negli avvisi dovranno essere inserite anche le scadenze per l'invio delle candidature da inviare ad una e-mail indicata dalle scuole.

Come scrivere una e-mail di autocandidatura efficace?

Innanzitutto, è da dire che la mail di autocandidatura può rappresentare la vera discriminante tra un candidato ed un altro. E' bene, quindi, che essa venga scritta nel miglior modo possibile.

Ecco i nostri consigli:

1. no ad errori di ortografia e vocabolario in mano per scriverla. Attenti anche alla sintassi. Dopo averla scritta è bene attendere un paio di giorni prima di rileggerla e di correggerla. Fatela leggere anche ad una persona di fiducia.

2. non allegate l'autocandidatura. Scrivetela e speditela direttamente nella mail, non allegatela come file. O, se proprio volete, allegatene copia identica in formato PDF indicandolo chiaramente nel corpo dell'email. Esempio: in allegato copia dell'autocandiatura in formato pdf.

3. allegate, invece, il curriculum completo, sempre indicandolo nella mail. Inserirete il curriculum su Istanze Online e il dirigente potrà visionarlo, ma una copia allegata non fa male a nessuno e può facilitare le operazioni della dirigenza o segreteria.

4. Nominate i vostri allegati in modo che si possano facilmente individuare. Ad esempio: autocandidatura_A12_Mario_rossi.pdf oppure CV_A12_Mario_rossi.pdf

5. compilate l'oggetto della mail. Non scrivete semplicemente "Autocandiatua" o simili. Indicate anche la classe di concorso per la quale vi state autocandidando e il vostro nome e cognome. Ad esempio: Autocandidatura A/12, Mario Rossi. Se volete essere più audaci, inserite pure l'elemento che maggiormente caratterizza il vostro curriculum e che si lega alla richiesta della scuola. Max due parole.

6. il carattere. Non usate il Times News Roman, troppo inflazionato e neppure il Comics Sans. Usate l'Arial, sobrio, ma non scontato.

7. spedite la mail con un indirizzo formale, che preferibilmente contenga il vostro nome. No a [email protected], ok a [email protected]

8. assolutamente no ad email scritta interamente in maiuscolo. E' da cafoni. No a faccine, no a testo colorato. Se copiate la lettera di presentazione di un vostro amico, non dimenticate di cambiare il nome 😀

9. iniziare la mail con la formula di cortesia d'obbligo. Rivolgetevi al dirigente, sarà lui a selezionarvi.

10. la mail di autocandidatura non deve essere lunga, ma completa. Inserite tutti quegli elementi che sono strettamente connessi alle competenze ed ai titoli richiesti secondo le indicazioni contenute nell'avviso, corredati da una breve descrizione. Inserite le informazioni organizzandole in un elenco puntato ed evidenziate in neretto le parole chiave.

11. inserite anche i vostri dati. Potete farlo ad inizio messaggio, prima di elencare le vostre competenze, o alla fine. Inserite il vostro nome e cognome, la vostra data di nascita e i contatti telefonici, insieme alla mail.

12. attivate la notifica di ricezione della mail. Il destinatario non è obbligato a cliccare sul pulsante, ma potrete sempre telefonare alla segreteria per chiedere spiegazioni.

Chiamata diretta, linee guida: chi riguarda? Cosa fanno le scuole, cosa i docenti. Dal curriculum al colloquio, la nostra guida

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione