Chiamata diretta, Azzolina (M5S): adesso interverremo sulla 107 per abolizione. Docenti si motivano aumentando stipendi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Onorevole Azzolina (M5S), membro della Commissione Cultura, ha commentato su FB l’accordo tra Miur e sindacati sul superamento della chiamata diretta per il prossimo anno scolastico.

Superamento chiamata diretta a.s. 2018/19

L’Onorevole pentastellata ha comunicato che la chiamata diretta, per il prossimo anno scolastico, poteva essere superata solo tramite la contrattazione integrativa (CCNI), considerato che l’a. s. 2018/19 è ormai alle porte.

Chiamata diretta abolita, nota Miur con date ufficiali e procedura da seguire su Istanze online dal 28 giugno

Docenti trasferiti a.s. 2018/19: passaggio da ambito a scuola, la domanda è online. Le info utili

Abolizione chiamata diretta

La Azzolina ha affermato che il succitato CCNI è soltanto il primo passo che condurrà all’abolizione definitiva della chiamata diretta. A tal fine si interverrà sulla legge “madre”, ossia la 107/2015.

Docenti motivati

L’Onorevole, infine, commenta le parole della Senatrice Malpezzi (PD), affermando che non è la chiamata diretta a far sì che gli studenti abbiano docenti motivati.

I docenti, conclude la Azzolina, si motivano aumentando gli stipendi (“nel tempo mi auguro che riusciremo a farlo”) e restituendo loro dignità e prestigio sociale.

Il video:

Versione stampabile
anief
soloformazione