Chi sarà collocato a riposo d’ufficio il 31 agosto 2020

di Patrizia Del Pidio

item-thumbnail

Come abbiamo sottolineato più volte l’amministrazione è obbligata al collocamento a riposo di ufficio dei dipendenti che al compimento dei 65 anni abbiano raggiunto il diritto alla pensione anticipata e dei dipendenti che al compimento dei 67 anni abbiano maturato il diritto alla pensione di vecchiaia.

Vediamo nello specifico il  31 agosto del 2020 chi sarà collocato a riposo di ufficio.

Saranno collocati a riposo d’ufficio nel comparto scuola:

  • i dipendenti che entro il 31 agosto 2020 compiono 67 anni di età ed hanno maturato almeno 20 anni di contributi (nati entro il 31 agosto 1953)
  • i dipendenti della scuola dell’infanzia (che rientrano nelle mansioni gravose e hanno l’accesso alla pensione di vecchiaia al compimento dei 66 anni e 7 mesi) che compiono 66 anni e 7 mesi entro il 31 agosto, che hanno maturato almeno 30 anni di contributi e che lavorano nella scuola dell’infanzia da almeno 7 anni nei 10 precedenti il pensionamento (nati entro l 31 gennaio 1954)
  • i dipendenti che entro il 31 agosto 2020 compiono 65 anni se in possesso del requisito contributivo per accedere alla pensione anticipata (41 anni e 10 mesi  di contributi per le donne, 42 anni e 10 mesi per gli uomini). Ci si riferisce, quindi, ai nati entro il 31 agosto 1955.

Coloro che vengono collocati a riposo d’ufficio non devono presentare la domanda di cessazione dal servizio online ma devono provvedere esclusivamente ed obbligatoriamente alla presentazione della domanda di pensione all’Ente previdenziale.

Per chi, pur raggiungendo i 67 anni entro il 31 agosto 2020, non è in possesso dei 20 anni di contributi necessari all’accesso alla pensione di vecchiaia, ricordiamo che va presentata domanda di trattenimento in servizio. Potete trovare approfondimenti al riguardo nel seguente articolo: Come si presenta domanda di trattenimento in servizio

Per leggere la circolare MIUR: Domanda pensioni 2020: ecco circolare, scadenza 30 dicembre 2019. Requisiti

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: