Chi non va bene a scuola non è convocato per giocare le partite di calcio

di Giulia Boffa
ipsef

Chi ha brutti voti a scuola non verrà convocato per le partite. Il Fiumicino, società dilettantistica laziale, introduce anche la meritocrazia scolastica sul campo di pallone e l’iniziativa viene lodata da un gruppo di mamme che, in una lettera, ringrazia il club.

 ‘Una società – si legge in un passaggio della lettera – che decide spontaneamente di mettere davanti ai risultati sportivi quelli umani, i valori, è una società sana’.

Chi ha brutti voti a scuola non verrà convocato per le partite. Il Fiumicino, società dilettantistica laziale, introduce anche la meritocrazia scolastica sul campo di pallone e l’iniziativa viene lodata da un gruppo di mamme che, in una lettera, ringrazia il club.

 ‘Una società – si legge in un passaggio della lettera – che decide spontaneamente di mettere davanti ai risultati sportivi quelli umani, i valori, è una società sana’.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione