Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Che prospettive per la pensione futura se per il diritto ho meno contributi che per la misura?

WhatsApp
Telegram

L’estratto conto contributivo può ingannare il lavoratore. Bisogna saper leggere le note per capire a pieno cosa si intende.

Non sempre è facile comprendere l’estratto conto contributivo dell’INPS. In alcuni casi al fianco dei contributi sono presenti delle note che chiariscono alcune situazioni particolari. Rispondiamo alla domanda di un nostro lettore che ci scrive:

Salve ho 64 anni e per 6anni e 8 mesi sono stato titolare di impresa artigiana dal luglio 1984 a tutto febbraio 1991, chiusa l’attività artigiana ho solo e sempre lavorato come stagionale nei mesi invernali percependo poi sempre indennità di disoccupazione. Oggi dal sito Inps vedo questa posizione

Contributi utili: 1162 settimane per la misura, 821 settimane per il diritto
La domanda che pongo è questa: allo stato attuale delle cose se continuo a lavorare solo nei mesi invernali al compimento dei 67 anni cosa mi aspetterò se non raggiungo i 20 anni di contribuzione? Grazie per una cortese risposta

Pensione di vecchiaia e contributi

Deve controllare per bene l’estratto conto contributivo. E notare un particolare: se al fianco delle settimane di contributi accreditate per i periodi di disoccupazione compare la nota 3. In questo caso le consiglio di stare tranquillo. Per i periodi riferiti all’indennità di disoccupazione, infatti, l’INPS avverte che si trattano di settimane non utili al raggiungimento del requisito per la pensione di anzianità. Questo significa che queste settimane non possono essere conteggiate per l’accesso alla pensione anticipata (che prima era chiamata pensione di anzianità). E nello specifico che non concorrono al raggiungimento dei 35 anni di contributi.

Cerchiamo di chiarire questo punto: la pensione di anzianità prevedeva un tot numero di anni di contributi ma anche che almeno 35 anni di contributi fossero stati raggiunti senza prendere in considerazione i figurativi di disoccupazione indennizzata e malattia. La stessa cosa richiesta, ancora oggi, per poter accedere alla pensione quota 100 o quota 102.

Nel suo caso, quindi, i contributi versati dovrebbero essere quelli utili alla misura, ed ha abbondantemente superato i 20 anni di contributi versati (1040 settimane). In ogni caso le consiglio di chiedere un estratto conto certificativo, visto che quello che vede sul sito dell’INPS serve solo per comprendere la propria situazione contributiva.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

A luglio, in tutta Italia, partecipa ai nuovi “Workshop formativi: pensare da dirigente scolastico” organizzati da Eurosofia