Chat tra genitori e docenti, il no di Rusconi: “Mamme e papà chiedono spiegazioni su voti, non va bene”

WhatsApp
Telegram

Basta messaggi a tutte le ore su WhatsApp, stop alle richieste di alunni e genitori dopo le 22 di sera a professori costretti a rispondere fino a mezzanotte. Questa la richiesta del sindacato dei presidi del Lazio, che vuole mettere un freno al dilagare di chat tra studenti e professori, tra professori e genitori, che creerebbero sono nervosismo e confusione.

Il presidente dell’ANP Roma, Mario Rusconi, in un’intervista all’agenzia Ansa, spiega: “Le chat di classe devo essere usate solo per le emergenze. Altrimenti stravolgono completamente il rapporto che ci deve essere con le famiglie. Non vogliamo abolirle ma regolamentarle”. E aggiunge: “Le chat tra famiglie e insegnanti e tra insegnanti e studenti stanno dilagando  e stanno creando grossi problemi, una sorta di cortocircuito. Si creano situazioni anomale. C’è il genitore che dice ‘perché mio figlio ha preso 7 e non 8?’, oppure ‘perché avete spiegato con due mesi di ritardo la perifrastica passiva?’, e ancora: “perché aveva cambiato posto a mio figlio che prima stava vicino a Stefano e ora è accanto a Piero?'”.

Per questo motivo, ha spiegato Rusconi, il Codice deontologico sarà rivisto e sarà emanato un regolamento per le scuole di tutta Italia. Le chat di classe saranno utilizzate solo in via emergenziale, in caso di problemi logistici o episodi gravi. Per tutte le altre comunicazioni sarà usato il registro elettronico.

VOTA IL SONDAGGIO

Crea la tua indagine per il feedback degli utenti

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur